Benevento, Bucchi: “Pronti per domani sera, voglio progressi da parte della squadra”

Benevento, Bucchi: “Pronti per domani sera, voglio progressi da parte della squadra”

"Ci aspetta una partita particolare, con diverse insidie e non dobbiamo farci distrarre dalle distrazioni legate alla trasferta"

211
SHARE

bucchi

La lunga sosta successiva al match d’esordio contro il Lecce è ormai un lontano ricordo e domani sera il Benevento scenderà finalmente in campo a Venezia. In Laguna gli stregoni sono chiamati a conquistare la prima vittoria di questo campionato e nella tarda mattinata odierna, prima di partire alla volta dell’aeroporto di Capodichino, il tecnico Cristian Bucchi ha incontrato gli operatori dei media per fare il consueto punto della situazione. Ecco le sue dichiarazioni: “Non ci saranno Costa, Tuia, Bukata e Filogamo. Bukata ha avuto un fastidio al tendine, Costa ha avuto una contrattura e abbiamo preferito non forzare. Tuia ha avuto un fastidio al tendine e anche lui viene da una settimana un po’ complicata e lui, così come Costa, lunedì si sottoporrà a un altro esame. Antei per noi è un giocatore molto importante, non è ancora pronto per giocare i novanta minuti, e ci sta dando una grossa mano”. 

Il Venezia - “Una squadra che nella passata stagione è arrivata a 180 minuti dalla serie A, con un allenatore che stimo molto. Quella di domani è una trasferta particolare, con diverse insidie e noi dobbiamo pensare soltanto alla partita da fare, senza farci distrarre dalle distrazioni legate alla trasferta. Di partita in partita voglio vedere una squadra che cresce sempre di più”. 

Lungo stop - “Dobbiamo essere bravi a buttarci tutto alle spalle e abbiamo in mente cosa ricordarci e il primo tempo visto contro il Lecce, come ho già detto diverse volte, non voglio più vederlo”. 

Nocerino - “Decideremo domani mattina se giocherà, ha avuto questo fastidio con la Roma e qualora non dovesse farcela inserirò qualche altro elemento di sicuro affidamento”. 

Scelte in attacco - “Credo di avere dei giocatori che possono giocare a prescindere tra loro. Ogni giocatore deve avere un minimo di continuità e le risposte immediate per me sono le più pericolose. I ballottaggi è giusto che ci siano e devo essere bravo io a saper scegliere le onde positive dei giocatori e dico sempre a loro che tutti sono indispensabili e in un campionato come questo ci sarà bisogno di tutti”. 

Caratteristiche di Improta e Buonaiuto - “Sono due esterni con caratteristiche diverse, Improta è più duttile, Buonaiuto invece si avvicina di più alla punta”. 

Serie B a diciannove squadre - “Per noi non è cambiato nulla e qualora fossero state inserite altre tre squadre avremmo continuato a pensare alla partita di domani contro il Venezia”.

Posizione di Viola qualora dovesse essere marcato a uomo - “Abbiamo provato diverse soluzioni e con il Lecce ci siamo abbassati un po’ troppo. Bisogna essere pronti quindi a interpretare varie situazioni”. 

Caratteristiche di Del Pinto e Bandinelli - “Sono giocatori che possono ricoprire più ruoli e possono permetterci di cambiare modulo a gara in corso. Ciò che li differenzia è soprattutto il piede, Del Pinto è di piede destro e Bandinelli è di piede mancino”. 

Gestione delle risorse - “È inutile preoccuparsi adesso della partita con la Salernitana, adesso la partita più importante è quella contro il Venezia e dobbiamo pensare soltanto alla partita di domani. Quattro partite in sedici giorni consentiranno a tutti o a quasi tutti di avere una chance”. 

Billong - “A me non piace quando si dice un giocatore era in partenza, anche Viola e Letizia sono stati in partenza. Jean-Claude poteva partire, ma essendo adesso un giocatore al 100% del Benevento è a disposizione e se dimostra di meritare la maglia da titolare giocherà, altrimenti starà in panchina”. 

Coesione Coda – Asencio - “L’attacco a due credo che sia un opzione valida, ma a prescindere se si gioca con una o due punte, servirà sempre l’atteggiamento mostrato negli ultimi minuti contro il Lecce”.