Finale da Oscar per il BCT, sulle note di Piovani cala il...

Finale da Oscar per il BCT, sulle note di Piovani cala il sipario sulla seconda edizione

Per l’ultima giornata del BCT 2018 il direttore artistico Antonio Frascadore ha scelto un finale da Oscar affidando l’onere e l’onore di chiudere la rassegna a Nicola Piovani nel concerto “Piovani dirige Piovani” con la partecipazione dell’Orchestra Filarmonica di Benevento.

265
SHARE

LZX CAMERAIn un Teatro Romano rigenerato nel suo nuovo e luminoso look cala il sipario sulla seconda edizione del Festival Nazionale del Cinema e della Televisione. Per l’ultima giornata del BCT 2018 il direttore artistico Antonio Frascadore ha scelto un finale da Oscar affidando l’onere e l’onore di chiudere la rassegna a Nicola Piovani nel concerto “Piovani dirige Piovani” con la partecipazione dell’Orchestra Filarmonica di Benevento.

I saluti iniziali del sindaco di Benevento Clemente Mastella sono stati anche l’occasione per inaugurare la nuova illuminazione del Teatro Romano, un progetto Gesesa-Acea che ha donato al simbolo della città un volto nuovo ed evocativo. L’amministratore delegato della Gesesa, Piero Ferrari ha affermato: “siamo soddisfatti del risultato ottenuto, frutto di un lavoro sinergico tra amministrazione, gesesa e agea con l’obiettivo comune di far crescere il territorio, le aziende e il mangnifico patrimonio culturale e artistico della nostra città”. Secondo il sindaco di Benevento “l’illuminazione rappresenta un nuovo tassello per consacrare Benevento come città d’arte”. Mastella ha inoltre sottolineato l’ottimo riscontro in termini quantitativi e qualitativi ottenuto da questa seconda edizione del BCT: “un ottimo lavoro quello di Antonio Frascadore che ha saputo coniugare qualità e innovazione. Peccato per quei beneventani che ridimensionano puntualmente ogni iniziativa dell’amministrazione”; in conclusione un annuncio in anteprima: “il prossimo anno, sempre con gesesa e acea, illumineremo una nuova zona della città”.

LZX CAMERA

Dopo gli interventi iniziali la serata è entrata nel vivo e la giornalista Melania Petriello ha introdotto il maestro Nicola Piovani che, a dire il vero, non aveva bisogno di alcuna presentazione. Pianista, compositore e direttore d’orchestra, il Maestro Nicola Piovani ha composto colonne sonore in collaborazione con i maggiori registi italiani. Premio Oscar nel 1999 per le musiche del capolavoro cinematografico “La vita è bella”, Piovani è ormai un’icona italiana in tutto il mondo.

Il programma della serata, diviso in tre suite sinfoniche, ha visto il riadattamento di note partiture cinematografiche in una originale versione da concerto. Ad aprire la serata è stata la “suite Taviani” che ha riproposto le colonne sonore di quattro grandi capolavori dei fratelli Taviani: “Fiorile”, “Il sole anche di notte”, “La notte di San Lorenzo” e “Good Morning Babilonia”.

LZX CAMERA

 

Di una bellezza indescrivibile e di un fascino altamente evocativo è stata la “suite Benigni” che ha regalato al numeroso pubblico presente le colonne sonore di due grandi film che hanno visto la straordinaria partecipazione di Roberto Benigni: “Pinocchio” e “La vita è bella”. Riadattate ai bisogni concertistici, le partiture delle colonne sonore dei due film non ha certamente smarrito quella poeticità di fondo, caratteristica del Maestro Piovani. Chi non si è mai commosso sulle struggenti note d’amore e tragedia de “La vita è bella” ? A chiudere la serata la “suite Fellini” con l’esecuzione delle colonne sonore di: “Intervista”, “La voce della luna” e “Ginger & Fred”.

 

Al termine del concerto standing ovation inevitabile e lunghi applausi. Tra note da Oscar e luci d’autore si chiude l’edizione 2018 del BCT, si distende il sipario in attesa della terza edizione e fervono i preparativi per Città Spettacolo. L’estate beneventana ha ancora tanto da raccontarci…

PHOTOGALLERY: