17^ giornata Serie B, il monday night Benevento-Cesena chiude il turno

Benevento cesena

Domani alle ore 20:30 andrà in scena l’ultimo posticipo della 17^ giornata di Serie B, il cosiddetto “monday night”. Al Vigorito giungerà il quotatissimo Cesena dell’ex Camplone, che finora ha deluso le attese e risiede in zona retrocessione con 16 punti conquistati. L’organico è certamente di quelli importanti e che ad agosto non lasciava presagire ad un inizio così terribile: i bianconeri, infatti, ai nastri di partenza erano tra i candidati ad un posto per la promozione in Serie A. Con l’esonero di Drago e l’arrivo di Camplone qualcosa sembra essere cambiato: quattro partite, due vittorie e due sconfitte, entrambe fuori casa. È evidente come il Cesena finora lontano dal Manuzzi non abbia mai vinto e affrontare una squadra che in casa propria non perde da più di due anni non sembra proprio l’ideale. Guai, però, a dare per scontato l’esito finale. Sul piano del gioco la squadra di Camplone ha fatto evidenziare netti miglioramenti, anche nelle sconfitte di Brescia e La Spezia. Assenze sia da una parte che dall’altra, i due tecnici devono correre ai ripari, con le liste dei convocati già diramate: Melara per il Benevento e Cascione per il Cesena saranno le assenze sicure del match.

QUI BENEVENTO
Baroni, come dichiarato anche a La Repubblica, con questo Benevento non si pone limiti. Allora ci pensa l’infermeria a farlo: Bagadur, Melara e Pajac salteranno il match di domani, senza contare lo squalificato Lopez. Da valutare Buzzegoli e De Falco, presi da qualche fastidio muscolare. Con le assenze di Melara e Pajac sulla corsia di sinistra, il solo sostituto naturale resta Jakimovski, non brillante nella trasferta di Vicenza. Ecco che si paventa, allora, la possibilità di un cambio di schema, passando così al centrocampo a tre. In questo caso da monitorare Buzzegoli dall’inizio, più De Falco dal primo minuto. Non si esclude l’utilizzo di Del Pinto che darà più fisicità al centrocampo. Per l’occasione, Baroni chiama in prima squadra Donnarumma. In difesa Pezzi prenderà il posto di Lopez, ancora ballottaggio Venuti-Gyamfi. In avanti Ciciretti e l’ex Falco confermati con Ceravolo, magari entrambi ai lati della Belva. Col trequartista, invece, uno dei due verrà sacrificato in favore di Puscas, ma Baroni non sembra voglia andare su questa direzione. Ancora niente di stabilito, dunque. Le sorprese nel pre-gara di domani, quando al Vigorito ci saranno sicuro 7.000 presenze sugli spalti, con la Curva Sud sold out da due giorni.

QUI CESENA
Qualche grattacapo anche per Camplone, che deve ovviare all’assenza di Cascione e monitorare Renzetti, con qualche linea di febbre, e Ciano, colpito duramente contro l’Avellino. Torna Perticone che però dovrebbe inizialmente partire dalla panchina. Dubbio Agliardi-Agazzi tra i pali col primo favorito e che ha dato le maggiori garanzie finora (il Cesena di Drago ha subito svariati gol allo scadere). Reparto arretrato che non dovrebbe variare, così come il centrocampo che vedrà Kone e Laribi insieme a Schiavone, sostituito di Cascione. Dubbio Dalmonte-Garritano col primo favorito dopo l’ottima prova della settimana scorsa, Ciano dovrebbe farcela e supportare lo statuario Djuric, spauracchio di Lucioni e Padella in area di rigore. Da non sottovalutare le presenze in panchina quali quelle di Cinelli, Rodríguez e Di Roberto, che garantiscono ai romagnoli una rosa davvero di tutto rispetto. Proprio come contro il Vicenza, da non sottovalutare la voglia di vincere, finalmente, fuori casa da parte del Cesena: il Vicenza ha messo alle corde Baroni e i suoi per cercare di acciuffare la prima vittoria in casa. Nel fortino del Vigorito dovrebbe essere tutt’altra storia, Camplone lo sa bene e vuole dai suoi ritmo ed intensità: “il Benevento non è in alto per caso”.

RISULTATI E CLASSIFICA
Come detto, resta solo a Benevento e Cesena giocare il 17^ turno, con Entella ed Ascoli che hanno una partita da recuperare tra più di una settimana. In vetta passo falso del Verona che si fa agguantare a tempo scaduto dal Perugia: avanti 2-0, finisce 2-2. Verona a 34 e Frosinone a 32, pari senza reti per i ciociari a La Spezia. Cade il Cittadella nella sfida ad alta quota contro la SPAL: 1-2 e ferraresi terzi a quota 29. Riprendono quota Carpi e Bari, vittoriose contro Trapani (sempre più ultimo) e Salernitana (male la prima per Bollini). L’Entella non va oltre il pari contro il Latina. Bene anche il Novara, 2-1 in rimonta contro il Vicenza, mentre in coda affonda l’Avellino (esordio amaro anche per Novellino), prossimo avversario degli Stregoni nell’attesissimo derby: 1-2 con recriminazioni contro l’Ascoli. Il Benevento è quarto, risultati a favore che gli consentono di tenere le distanze e di cercare il colpaccio nel match di domani.

PROBABILI FORMAZIONI:
BENEVENTO (4-3-3): Cragno; Venuti, Padella, Lucioni, Pezzi; Buzzegoli, Chibsah, De Falco; Ciciretti, Ceravolo, Falco.
A disposizione: Gori, Perucchini, Camporese, Gyamfi, Del Pinto, Jakimovski, Donnarumma, Cissé, Puscas. All.: Baroni

CESENA (4-3-3): Agliardi; Balzano, Rigione, Ligi, Renzetti; Kone, Schiavone, Laribi; Ciano, Djuric, Dalmonte. All.: Camplone
A disposizione: Agazzi, Bardini, Perticone, Falasco, Cinelli, Vitale, Setola, Garritano, Rodríguez, Panico, Di Roberto. All.: Camplone

Lascia una risposta