Antonio Iannelli non c’è più: ha colorato l’infanzia di tanti beneventani

Un altro pezzo di Benevento che se ne va, sottratto alla vita da un nemico malvagio e più forte di lui. A piangere oggi è un intero quartiere, sempre così affollato e vivace ma mai così mesto e silenzioso come oggi: Antonio Iannelli non ce l’ha fatta e si è spento all’età di 64 anni.

Titolare della storica e omonima cartoleria di corso Dante, al cospetto di piazza San Donato e a pochi metri dalla basilica della Madonna delle Grazie, è stato un punto di riferimento per tutti i residenti al Triggio nonché di centinaia e centinaia di studenti dell’istituto industriale. La cartoleria Iannelli si può dire che ha colorato l’infanzia e l’adolescenza di tanti beneventani per almeno un ventennio nonché garanzia di numerosi genitori: i primi lavoretti a scuola, le dediche ai primi amori o il primo lavoro in ufficio, lui era lì che ti attendeva con gentilezza e competenza, ampiamente rifornito di articoli di cancelleria e materiali grafici, ma anche belle arti e cornici.

Lascia un vuoto incolmabile nella famiglia, negli amici e in un quartiere intero che dei piccoli imprenditori negli anni ne ha fatto un tratto distintivo e di forza. I funerali domani presso la chiesa di San Donato. La redazione porge le più sentite condoglianze ai familiari, in particolare alla moglie Arsenia e ai figli Alessandro e Fabio.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.