Afghanistan, ‘Welcome Refugees’: il Sannio is your home

È una corsa contro il tempo, migliaia di persone, soprattutto donne e bambini, in queste ore stanno scappando dall’Afghanistan, dove dallo scorso 14 agosto sono ripiombati, nel più assordante silenzio, i talebani che hanno conquistato Kabul senza incontrare alcuna resistenza lungo la via che, di fatto, ha rimesso in piedi l’Emirato Islamico dell’Afghanistan.

Donne e bambini, sono coloro che in tutto questo gran casino, rischiano di più la vita. Era il 17 agosto quando il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, scrisse sul suo account social: “Come le altre comunità italiane ed i loro sindaci, anche Benevento è pronta a manifestare, in concreto, la propria solidarietà ai profughi afghani“. Dopo l’appello del Sindaco Mastella, è arrivata una notizia da Castelpoto, dove il Sindaco Vito Fusco, annunciava che: “Nell’ambito del progetto “Resolute Support Mission” della Nato, Castelpoto ospita una famiglia afghana che ha collaborato con il contingente italiano ad Herat. Una scelta che si inserisce nel percorso tracciato da Anci che ha prontamente risposto alla crisi afghana offrendo la disponibilità ad ampliare la rete SAI(sistema accoglienza e integrazione) gestita direttamente dai comuni. La nostra comunità si arricchisce di questa presenza che ci porta a riflettere sull’importanza della politica estera e delle missioni internazionali nella difesa dei diritti umani“.

Questa mattina a Napoli, prima dell’alba, sono arrivate 87 persone che, come ha scritto il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: “Si tratta di 20 famiglie afgane provenienti da Kabul, soprattutto donne e bambini (29 bambini di cui due neonati e 27 donne). Gli 87 cittadini in fuga dall’Afghanistan hanno trovato ospitalità presso il Covid Residence dell’Ospedale del mare di Ponticelli, rimodulato dall’ASL Napoli 1 Centro proprio per garantire loro il necessario confort e la massima assistenza nel corso del periodo di quarantena“.

Dopo il periodo di quarantena prevista, le 20 famiglie saranno accompagnate presso i centri SAI del Sannio e dell’Irpinia. A dichiararsi pronto all’arrivo dei profughi di Kabul è lo Sai di Montefalcone di Val Fortore, che sul profilo social scrive: “Noi siamo pronti!! Il Sannio è pronto ad accogliere le famiglie afghane in arrivo, ed anche noi faremo il nostro“.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.