Strega, dovrà essere il derby dell’orgoglio: è la piazza che lo chiede

All’atteso derby Benevento-Avellino mancano ancora quattro giorni e per le due squadre quella di domenica rappresenta l’occasione della ripartenza. Un successo, sia sul fronte giallorosso che su quello biancoverde, darebbe infatti un calcio alla crisi di risultati registrata nelle ultime settimane, con entrambe le compagini che hanno conquistato appena quattro punti in altrettante giornate.

Focalizzando maggiormente l’attenzione sulle problematiche di casa nostra e al di là dei pochi punti messi in cascina, a preoccupare maggiormente l’ambiente sannita è l’involuzione della troupe di Andreoletti e nell’ultimo mese all’allenatore bergamasco è venuta meno quella solidità difensiva che gli ha invece permesso in precedenza di inanellare ben dodici risultati utili consecutivi.

Una certezza che ha iniziato a mostrare i primi scricchiolii dalla partita contro il Giugliano, per poi completamente sgretolarsi a Monopoli e lacune nel reparto difensivo sono emerse oltremodo anche contro il fanalino di coda Monterosi e domenica scorsa in casa della Juve Stabia. Quattro partite nelle quali la Strega ha subìto ben sette gol e che non collimano affatto con i precedenti otto incassati in ben dodici incontri.

Più di qualcosa, in vista di domenica, va quindi rivisto anche nel reparto difensivo, con la tifoseria che continua a interrogarsi sullo scarso utilizzo di Terranova e il carisma del centrale siciliano rappresenta senza ombra di dubbio una componente fondamentale in una squadra che di certo non brilla per personalità. Un derby che la Strega dovrà far suo soprattutto attraverso tale particolarità e la piazza giallorossa, dopo i recenti risultati negativi, lo chiede a gran voce.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.