Benevento, Bucchi: “Sabato tocca a Montipò. Questo cambio non è definitivo”

Benevento, Bucchi: “Sabato tocca a Montipò. Questo cambio non è definitivo”

"Conosco bene il potenziale di questa squadra e dobbiamo andare oltre tutti i nostri limiti. Voglio vedere una squadra arrembante per tutta la gara"

142
SHARE

Bucchi

Smaltita la delusione per la sconfitta di sabato scorso il Benevento si appresta a partire alla volta di Carpi, con gli stregoni che sabato pomeriggio al “Cabassi” affronteranno i padroni di casa guidati da Castori. Questa mattina, al termine dell’ultimo allenamento svolto all’Imbriani, il tecnico Cristian Bucchi ha incontrato gli operatori dei media e ha analizzato le varie problematiche della sua squadra. Ecco le sue dichiarazioni: “Il morale dell’ambiente dipende sempre molto da quello che noi riusciamo a trasmettere e a fare. I fischi ce li prendiamo tutti, sabato sono stati giusti e devono essere per noi uno stimolo in più. A Carpi mi aspetto di vedere il Benevento perché tutti ci reputano una squadra forte e dobbiamo adesso dimostrarlo con continuità e non a sprazzi come è accaduto finora. Le nostre sconfitte ci demoralizzano, ma tranne in quella di Pescara abbiamo fatto sempre tutto noi. Abbiamo subìto fino adesso troppi gol e non è un dato che deve appartenere a una squadra che ambisce a un campionato di vertice. La squadra forte è quella che non lascia rimontare l’avversaria. Da sabato non mi accontenterò di vedere buone cose soltanto a sprazzi. Conosco bene il potenziale di questa squadra e dobbiamo andare oltre tutti i nostri limiti. Se Sabato avessimo sfruttato l’occasione nel finale con Asencio e Coda avremmo detto che il Benevento ha un grande cuore. Voglio vedere quella squadra arrembante che non è forte perché lo dicono fuori dallo stadio, ma perché lo è per davvero”. 

Cambio tra i pali - “Giocherà Montipò e gioca a prescindere da quello che è successo sabato. Già avevo deciso che dopo la partita di Pescara avrebbe giocato lui, però non ho più fatto questo cambio per non far cadere le colpe della sconfitta tutte su Puggioni. Christian, in questo momento, non è l’unico problema di questa squadra e questo avvicendamento non è definitivo. È un leader importante di questo gruppo e continuerà ad esserlo. Ho la fortuna di avere tre portieri molto affidabili. Hanno tutti e tre caratteristiche diverse e in questo momento voglio vedere quelle di Montipò”. 

Mancanza di alternative e carattere - “Io non ho mai parlato di assenze perché non mi piace, non voglio trovarmi un alibi. A Pescara c’erano in panchina due centrocampisti non utilizzabili. L’altra sera ho avuto soltanto tre centrocampisti a disposizione. Non abbiamo mai avuto finora Tuia e Bukata. Questa squadra deve trovare il modo di non dare punti di riferimento alla squadra avversaria. Mi aspetto che qualcuno rischi di più, molti calciatori non hanno espresso molte delle loro qualità. Quando si dice che questa squadra manca di carattere mi fa molto rabbia e per questo che i miei calciatori devono dimostrare qualcosa in più. Tranne con il Lecce non siamo mai stati capaci di rimontare e questo deve far parte dello spirito di ogni singolo calciatore. Io sono il primo che non si accontenta e questo voglio vederlo anche dai miei calciatori”. 

Deluso da qualche calciatore - “Non sono deluso, lo sarei se vedessi uno scarso impegno da parte di qualche mio calciatore. Abbiamo delle cose da limare. Se guardiamo l’andamento di questo campionato anche altre squadre stanno faticando. Manca la rabbia e questa dobbiamo mostrarla. La sconfitta non deve esserci e mi fa troppo male anche quando è immeritata. La partita dobbiamo comandarla sempre noi”. 

Viola - “Nicolas per me è un giocatore che può ricoprire più ruoli. A me piace molto che i tre centrocampisti possano ruotare tra loro. A me Nicolas sabato è piaciuto molto da mezzala, così come mi è sempre piaciuto quando ha giocato al centro. Nicolas ha tutte le qualità per giocare in ogni posizione del centrocampo”. 

Condizioni di Bandinelli e di Improta - “Filippo è in buone condizioni, ha lavorato con la squadra sin da martedì ed è a disposizione. Non ci sarà Improta. Martedì ha avvertito un leggero fastidio e speriamo che non sia nulla di grave”. 

Il Carpi - “È una squadra pericolosissima che lotta in ogni momento. Giocano di rimessa e attaccano sempre la profondità. Non ci sarà Mokulu, ma ha altri giocatori validi per questa categoria. Non pensiamo di affrontare una squadra in difficoltà, anzi affronteremo una squadra che arriva a questa gara da un ottimo risultato”.