Benevento, Cannavaro: “I ragazzi continuano ad avere paura”

Conclusa la partita che ha permesso al Benevento di conquistare almeno un punto, nella sala stampa il tecnico Fabio Cannavaro ha analizzato la gara. Ecco le sue dichiarazioni: “Pensavo in un inizio un po’ diverso e quello che mi ha sempre impressionato di questa squadra è la paura. Soprattutto in casa ho visto che questa squadra ha fatto tanta fatica a giocare e ripeto non ho la bacchetta magica. Il primo tempo però non abbiamo fatto quasi nulla di quello che avevo chiesto e i ragazzi hanno sbagliato anche le cose più semplici. Ci è andata meglio nel secondo tempo alzando un po’ il baricentro e i ragazzi qualcosa mi hanno fatto vedere. Poi abbiamo perso due giocatori per infortunio e oggi ci è mancato anche quel pizzico di cattiveria che fa fare la differenza. Quando Ciano non ce la faceva più siamo calati tanto e ringrazio comunque Ciano che è rimasto in campo per tutta la partita. Quando non si può vincere non si deve perdere”.

Farias – “Diego ha tanta esperienza e può farci fare il salto di qualità. Delle volte si assenta troppo, ma deve toccare quante più palle possibili. Sono contento che abbia fatto gol e voglio dargli sempre maggiore minutaggio. Simy di testa la prende quasi sempre e questo può essere un altro vantaggio per noi”.

Infortuni dei difensori – “Glik ha accusato un problema all’adduttore. Veseli ha preso una bella botta al ginocchio e Leverbe penso non sia nulla di grave. Per la prossima recupero qualche elemento, ma purtroppo ne perdo altri. Io avrò bisogno di tutti e dobbiamo pensare partita dopo partita. Bisogna avere una certa qualità nel palleggio, ma bisogna vincere”.

Condizione fisica – “I ragazzi non sono in ritardo di condizione, prima giocavamo in un modo diverso. Io gli chiedo una maggiore pressione in avanti e questo è sicuramente un gioco dispendioso”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.