1

Benevento, Cannavaro: “Una sfida accettata subito”

Dopo l’annuncio ufficiale di ieri e aver diretto, sempre nella giornata di ieri il primo allenamento, per Fabio Cannavaro è il momento della presentazione da nuovo tecnico del Benevento. A fare da cornice all’evento Palazzo Paolo V, con lo storico edificio situato lungo Corso Garibaldi che nell’estate del 2019 ha accolto anche Pippo Inzaghi. Oltre al nuovo tecnico, presenti in sala il presidente Oreste Vigorito, il diesse Pasquale Foggia, il sindaco Clemente Mastella e diverse autorità. Il neotenico è accolto da un applauso dei presenti e applausi anche all’intero staff tecnico del nuovo allenatore giallorosso. Il primo a prendere la parola è il primo cittadino: “Benvenuto a Fabio e a tutti coloro che sono con lui. Rispetto a un ragazzo che ha portato in alto i colori dell’Italia siamo a te eternamente grati e riceverai qui un’accoglienza molto calorosa. Quella di affidare a te la panchina del Benevento la reputo un’ottima scelta e so che sei venuto qui mandando all’aria anche opportunità più prestigiose di questa. Dalla città e dal presidente Vigorito riceverai tanto affetto. In bocca al lupo”.

Concluso l’intervento del sindaco, prende la parola il presidente Oreste Vigorito: “Grazie al sindaco per l’accoglienza e grazie a uno scugnizzo napoletano quale Fabio Cannavaro. Fabio è arrivato a certi traguardi perché ha grandi doti morali ed è voluto venire qui, come ha detto il sindaco Mastella, rinunciando a incarichi più prestigiosi. Ti accoglie un popolo che fa della sincerità una sua grande dote. Nella mia vita ho conosciuto tanti manager, sono nato andando a rubare i mandarini del terreno accanto perché anch’io sono stato uno scugnizzo e sono sicuro che anche da Fabio Cannavaro imparerò tante cose. Torniamo tutti ad essere una famiglia e grazie ancora a tutti i tifosi che si sono abbonati. È stata una campagna abbonamenti straordinaria e ci tengo pubblicamente a ringraziare Fabio Caserta per quanto fatto con noi”.

“Per andare a prenderlo mi ha fatto svegliare all’alba – esordisce Pasquale Foggiae sono orgoglioso di averlo portato a Benevento. Sono contento che abbia scelto il Benevento e sin da subito abbiamo parlato di come vuole affrontare questa sfida. Sarà un valore aggiunto per tutti noi e grazie al presidente, grazie a Fabio e allo staff per averci scelto”.

Ecco quindi le prime parole di Fabio Cannavaro da nuovo allenatore del Benevento: “Grazie al sindaco, al presidente e al direttore per le belle parole e queste parole non fanno altro che aumentare le aspettative. Ho girato il mondo e questa non è la mia prima esperienza da allenatore. Ho avvertito il bisogno di tornare a casa e la sincerità di Pasquale mi ha convinto ad accettare Benevento. Dopo sette anni consecutivi in Cina avevo bisogno di riposare, ma quando mi è stato proposto questo progetto ho accettato subito questa sfida. Non sarà facile, la serie B è un campionato difficile e noi vogliamo crescere. I nostri obiettivi ce li teniamo per noi e ci tengo a salutare il mio predecessore. Mi sono sentito con Caserta e gli auguro di trovare sin da subito un’altra squadra. Spero che un giorno mi farò apprezzare allo stesso modo di come sono stato apprezzato da calciatore.

Morale del gruppo –La chiamata del Benevento non me l’aspettavo, ma ci ho messo davvero poco ad accettare, con Pasquale che per arrivare a me ha utilizzato mio fratello Paolo come tramite. Mi sono sentito anche con Pippo Inzaghi e mi ha parlato benissimo di questa piazza. Il mio Benevento arriverà in area con più gente possibile e dovrò lavorare soprattutto sul morale dei ragazzi. Ho visto le partite del Benevento e con grande allegria e concentrazione dovremo riportare tanta gente allo stadio“.

Rosa – “La mia rosa ha delle qualità e voglio recuperare quei giocatori ancora fuori condizione. Per trovare la forma servono almeno dieci partite e abbiamo ancora tempo per trovarla (risata ndr)“.

https://www.facebook.com/cronachedelsannio/posts/pfbid02S6niaeEgqyNFPEY8U9Xviya7CRx64Z8zwdCtSNo4mdLqTJZvB1eHgCownu9Y5pDXl