Benevento, c’è tanto da fare anche per le cosiddette operazioni minori

Il Benevento è partito alla volta del Mancini Park Hotel, dove nel pomeriggio svolgerà il primo allenamento del ritiro romano e una buona parte di calciatori e componenti dello staff si farà trovare direttamente nella struttura che ospiterà i giallorossi fino all’11 gennaio. Nel frattempo si intensificano i contatti per chiudere delle operazioni su entrambi i fronti e riguardo alle uscite Pasquale Foggia ha molto da lavorare anche per quanto concerne le cosiddette operazioni minori. In lista di sbarco, infatti, ci sono anche quei giovani che non sono stati mai utilizzati e quindi Abdallah Basit, Siriki Sanogo e Francesco Perlingieri. I primi due, avendo il contratto in scadenza a giugno, potrebbero partire a titolo definitivo ma ad oggi risulta complicato piazzarli anche in serie C. Il terzino di Torre Annunziata, essendo invece legato alla Strega da un contratto pluriennale sottoscritto lo scorso novembre, sarà ceduto con la formula del prestito e con la stessa modalità si proverà a cedere anche l’attaccante Emanuele Agnello che così come Perlingieri ha firmato il primo contratto da professionista qualche giorno dopo la prima convocazione con la prima squadra.

Un’esperienza temporanea lontana dal Sannio potrebbe viverla anche Samba Thiam Pape, con l’attaccante senegalese che dopo l’esordio contro il Perugia proverà a ritagliarsi maggiore spazio in qualche club di terza serie e lo stesso discorso nelle prossime settimane potrebbe essere esteso anche a Christian Pastina. Il difensore di Battipaglia, infatti, con l’arrivo di un nuovo centrale o terzino di piede mancino vedrebbe ridursi ulteriormente lo spazio a lui a disposizione e avendo racimolato soltanto una cinquantina di minuti nelle ultime sette gare tale ipotesi non è affatto remota.

Pur non essendo un under da diversi anni ormai, nella sessione che si è aperta due giorni fa andrà presa una decisione anche per quanto concerne Dejan Vokic. Lo sloveno, infortunato da tempo e con il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, occupa attualmente una casella nella lista A, quella appunto dedicata ai diciotto over 23 e pur essendo disponibili ancora due posti, il 1° febbraio potrebbe ritrovarsi fuori lista. Un’ipotesi che prenderebbe sempre più piede qualora dovessero arrivare tre se non quattro calciatori nati prima del 1999.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.