Benevento, devi tornare a vincere. Prima però devi tornare a fare gol

Benevento, devi tornare a vincere. Prima però devi tornare a fare gol

Non si può fare affidamento soltanto sui gol di Coda, sono troppo poche le reti degli altri elementi offensivi della rosa

SHARE

Oltre a tornare a secco di punti dalle due gare giocate lontane dal “Vigorito”, il Benevento è rimasto all’asciutto anche di gol, con le porte di Zima e di Agazzi rimaste tristemente inviolate. In queste ultime due gare gli stregoni hanno mostrato notevoli limiti sul piano dell’incisività sottoporta e questa squadra dà l’impressione che il solo Coda non basta per buttarla dentro. Sono troppo poche infatti le reti realizzate finora dagli altri elementi offensivi in rosa e alle spalle dell’attaccante di Cava de’ Tirreni c’è praticamente il vuoto, con Insigne che ha gonfiato la rete soltanto cinque volte. Va comunque rimarcato che il fantasista di proprietà del Napoli è risultato finora molto prezioso in versione assistman, ma ciò che mancano al Benevento sono anche i gol degli altri attaccanti e peggio di Insigne hanno fatto Ricci e Asencio, a segno entrambi due sole volte. Una sola volta, invece, è andato in gol Buonaiuto, ma quest’ultimo è da considerare ormai una mezzala, dato l’insistere di Bucchi nello schierare in tale posizione.

A completare la lista degli elementi offensivi c’è Armenteros, ma lo svedese di origini cubane nelle tre partite in cui è subentrato dalla panchina non è mai risultato particolarmente incisivo. Tornando alla questione analizzata in apertura di articolo, le altre tre volte in cui non si è riusciti a fare gol sono state contro il Palermo, il Verona e il Cosenza. In queste tre gare l’astinenza dal gol è stata anche consecutiva.