1

Benevento, la rosa che verrà: batteria degli esterni offensivi da rimodellare

Foto Imago/Zuma Press

Con il via alle visite mediche la stagione 2022/2023 del Benevento è partita a tutti gli effetti e dallo scorso venerdì ha avuto ufficialmente inizio anche il calciomercato. Una sessione che vedrà il club del presidente Oreste Vigorito particolarmente impegnato a trovare una nuova sistemazione ai cosiddetti pezzi pregiati (Barba, Glik, Ionita, Lapadula e Moncini), ma ad oggi al diesse Foggia non sono pervenute proposte ritenute valide e ciò inevitabilmente va a rallentare le operazioni da fare in entrata. Oltre, infatti, a Capellini, Karic e Koutsoupias, con i due centrocampisti acquistati dalla Virtus Entella che arriveranno in serata in città, c’è da lavorare anche sugli esterni offensivi e le uniche certezze sono rappresentate da Improta e Farias. Il jolly tattico di Pozzuoli sarà anche la seconda “bandiera” della rosa e la scelta di voler inserire lui e non Insigne o Tello rappresenta di fatto un ulteriore segnale che non si muoverà dal Sannio. Lo stesso non si può di certo sostenere per Insigne, con il fratello dell’ex capitano del Napoli che nonostante sia legato alla Strega fino al 30 giugno 2024 potrebbe cambiare aria e se ciò dovesse concretizzarsi la batteria degli esterni offensivi vedrà l’arrivo di due elementi. Se, quindi, sulla corsia di sinistra con le conferme di Improta e Farias si è al completo, è a destra che ci saranno dei cambiamenti e tale zona potrebbe essere totalmente rivoluzionata.

Data, infatti, per certa la partenza di Brignola, con il telesino che sarà ceduto con la formula del prestito e il Cosenza sembrerebbe interessata all’ex Sassuolo, arriverà di sicuro un nuovo elemento chiamato ad assicurare una certa fantasia sulla fascia e la Strega l’ha individuato da tempo ormai in Luigi Canotto del Frosinone. L’esterno calabrese, pur essendo in ritiro con i canarini a Fiuggi, potrebbe lasciare la Ciociaria dopo un solo anno e il tecnico Fabio Caserta sarebbe felicissimo di riabbracciare una pedina avuta alle proprie dipendenze nel triennio con la Juve Stabia. Un altro esterno offensivo che il tecnico trapiantato a Pompei conosce benissimo è logicamente Salvatore Elia, ma con il passare dei giorni il ritorno nel Sannio del classe ’99, rientrato nel frattempo all’Atalanta, appare affievolirsi sempre di più.

La rosa che verrà: esterni offensivi
Confermati: Farias, Improta
In bilico: Insigne
In partenza: Brignola
Da acquistare: uno o due elementi a seconda dei calciatori che saranno ceduti