Inaugurata questa mattina in via Salvator Rosa, dinanzi al Tribunale di Benevento, una panchina rossa, frutto della collaborazione tra il Rotary Club di Benevento, il Club Inner Wheel, la Consulta delle Donne della Città di Benevento, il Comune di Benevento, di concerto con la consigliera con delega alle Pari Opportunità, Patrizia Callaro, e gli allievi del Liceo Artistico di Benevento, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica circa il gravissimo dramma sociale, rappresentato dalla violenza sulle donne.

Un segno di disapprovazione rispetto alle condotte violente che ha portato al restauro di una panchina già esistente e all’installazione di una targa commemorativa insieme a una cassetta delle lettere per eventuali segnalazioni di violenza. “Benevento era l’unica città a cui mancava la panchina rossa – ha affermato la presidente del Club “Inner Wheel” Filomena Pacelli Cotroneo – per ricordare a chi è vittima di violenze che una città si può interrogare e cercare di risolvere un problema mettendo a conoscenza delle tematiche”. Come spiegato dal presidente del “Rotary Club”, Luigi Marino, “la panchina sorge nei pressi del Tribunale e della Questura perché sono gli organi demandati alla protezione di chi denuncia. Ci troviamo di fronte ad una violenza che si modifica a seconda dello strato sociale in cui essa avviene. Per cui si passa da quella fisica a quella psicologica che, probabilmente è peggiore e lascia segni più duraturi. Benevento non poteva e non doveva rimanere fuori da un corale messaggio di assoluta disapprovazione, per cui ben venga una panchina rossa soprattutto per ciò che significa”.

Per quanto riguarda la casella postale accanto alla panchina, spiega Sara Furno, presidente della Consulta delle Donne, “la donna deve sentirsi accolta e non vittimizzata e questo è un modo per far comprendere che qualcuno sta ascoltando la vittima che ha vergogna di uscire allo scoperto. Successivamente faremo dei passi avanti in termini di accoglienza e l’obiettivo che noi auspichiamo è quello di poter offrire un’accoglienza sostanziale, anche economica, a tutte le donne che sono vittime di violenza”. I dati sul femminicidio in Campania non sono più allarmanti rispetto allo scorso anno e ad affermarlo è la presidente dell’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne, Rosaria Bruno: “I dati regionali sono in linea con quelli nazionali. Il primato resta alle regioni del nord, in primis la Lombardia. Per ciò che riguarda i servizi antiviolenza, stiamo attivando i percorsi rosa per strutture sanitarie”. Presente infine, in rappresentanza del Governo, anche la senatrice sannita del Movimento 5 Stelle, Danila De Lucia, membro della Commissione speciale sul femminicidio.