Benevento, studenti in piazza contro il Governo: “No alternanza scuola-lavoro”

Contro il conflitto in Ucraina, contro l’alternanza scuola-lavoro e contro il neo Governo di Giorgia Meloni. Sono questi i principali motivi che hanno portato gli studenti dei licei del capoluogo sannita a manifestare con un sit-in in piazza Roma, rispondendo alla chiamata della Mobilitazione Nazionale Studentesca.

Ciò che lamentano gli studenti è che il Governo di centro-destra di Giorgia Meloni è pronto a sostenere le stesse politiche antipopolari dei governi precedenti, basato sullo stesso modello della “scuola aziendalistica”. Ciò che contestano, inoltre, è l’aumento degli investimenti per la guerra in Ucraina, dimenticando che gli studenti ogni giorno si ritrovano in edifici vecchi e pericolanti, dove crollano tetti e le classi si allagano, dove si chiede ai giovani di fare un sacrificio sopportando il freddo a causa della mancanza di gas. “Ogni euro dato alla guerra è tolto alla scuola”, recita il manifesto della Mobilitazione Nazionale Studentesca.

A noi studenti viene insegnato lo sfruttamento. – dichiara Mario Catadudo, candidato come rappresentate d’Istituto al Liceo Scientifico “G. Rummo” – Ogni giorno a causa dell’alternanza scuola-lavoro uno studente rischia di perdere la vita pur non essendo pagato. Siamo qui anche contro la guerra perché finanziare il conflitto vuol dire anche sottrarre risorse all’istruzione e all’edilizia scolastica. Ci aspettiamo di raccogliere un po’ di consensi per creare anche qui a Benevento una realtà studentesca“.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.