Benevento, Vigorito: “Il calcio è ormai un circo e noi proveremo sempre...

Benevento, Vigorito: “Il calcio è ormai un circo e noi proveremo sempre a non fare i pagliacci”

Il diesse Foggia: "Siamo molto contenti dei giocatori che abbiamo. Antei e Tuia è come se fossero due nuovi acquisti, prenderemo qualche elemento adatto alle nostre idee di gioco"

SHARE

Terminate le conferenze dei due allenatori in sala stampa è arrivato il duo Vigorito – Foggia. Il primo dei due a prendere la parola è stato il massimo dirigente giallorosso. Ecco le sue dichiarazioni: “Siamo sereni, mi auguro che questi primi sei mesi ci hanno temprato. Aver pareggiato, seppur in maniera fortunosa, spero che sia un buon segnale per il prossimo anno. Aiutateci in questo periodo difficile del calciomercato, il direttore e l’allenatore hanno le idee chiare su cosa fare. Le operazioni che faremo non saranno tante. In rosa già ci sono 27 calciatori e quindi non sarà facile inserire qualche altro elemento. Ci conosciamo da ben tredici anni e questa società avrà sempre la voglia di puntare al meglio. Noi non ci siamo mai iscritti a un campionato per non andare nella categoria superiore e sono stato lasciato da Ciro ben nove anni fa. La serie A ha fatto bene a tutti noi, a voi della stampa e anche ai bambini che non indossano più la maglia della Juventus, ma quella del Benevento. Il calcio è ormai un circo e noi proveremo sempre a non fare i pagliacci. Mi auguro che qualche tifoso manda in esilio dalla sua mente l’idea che questa società vuole stare sempre in serie B. Armenteros dal 7 gennaio si allenerà con la squadra e vedremo poi cosa accadrà nelle settimane successive. Tanti auguri a tutti per il nuovo anno e speriamo di fare meglio della prima parte di questa stagione”.

Hai poi preso la parola il diesse Pasquale Foggia: “Colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti voi, ai tifosi e a tutta la gente di Benevento che non fa mai mancare il loro apporto alla nostra squadra. Siamo molto contenti dei giocatori che abbiamo. Antei e Tuia è come se fossero due nuovi acquisti, prenderemo qualche elemento adatto alle nostre idee di gioco. La serie B è un campionato importante per tutti e questa squadra, in estate, è stata cambiata per diciassette elementi. Le caratteristiche dei nostri giocatori già ci permettono di variare spesso il modulo di gioco. Sappiamo, eventualmente, dove intervenire”.