Calciomercato, Benevento: si avvicina Acosty. La società trattiene Perucchini e Bagadur

acosty

Il Benevento, come spesso proclamato finora, ha deciso di seguire una linea diversa rispetto a tante altre squadre di B che tentano di rivoluzionare il proprio organico in questa sessione del mercato di riparazione: Vigorito, Di Somma e Baroni vogliono fare delle scelte oculate e ben precise, scelte che avranno il loro peso fino a giugno. Per questo sul fronte mercato in entrata si registra ancora silenzio, come la quiete prima della tempesta. Mancano due settimane alla chiusura della sessione invernale e pare che il Benevento voglia affondare il colpo decisivo entro la prossima settimana.

ESTERNO SINISTRO
Acosty resta sempre l’obiettivo primario. Pare che il Benevento voglia fare decisamente sul serio e, nonostante il club pontino spari alto, si possa chiudere a 500.000€ a fronte degli 800.000 richiesti. Probabile che il Latina possa accettare una contropartita, individuabile in Bagadur, già seguito dai nerazzurri, ma la strada che porta al difensore è più complicata. In alternativa ad Acosty c’è sempre Furlan del Bari (che segue anche Acosty ma sembra indietro rispetto ai sanniti, sulle sue tracce c’è anche il Vicenza), poi Ciano in stand-by in attesa che il Cesena abbassi le pretese. Mentre più particolare è l’affare Citro, che se arriva dovrà occupare il posto di un partente in attacco, soluzione questa improbabile, come abbiamo già ribadito in passato.

IN USCITA
Jakimovski e Pajac devono ancora essere piazzati, in attesa della destinazione giusta. Ma ultimamente si fa viva l’ipotesi che ad abbandonare il Sannio possa essere Campagnacci, in odore di convocazione per la trasferta di Ferrara, ma seguito in Lega Pro dall’Ancona. Il Cagliari non vuole chiudere in anticipo il prestito di Pajac, Jakimovski valuta diverse soluzioni, italiane ed estere. Con Vigorito tornato dalle vacanze, i giocatori più scontenti hanno avuto l’occasione di incontrarsi con lui e di provare a chiedere di abbandonare il Sannio: è il caso di Perucchini e Bagadur. Il portiere, in prestito dal Bologna, è seguito dal Lecce che gradirebbe un suo ritorno, ma per il Benevento il giocatore resta incedibile nonostante la volontà di quest’ultimo di partire e giocare titolare, chiuso qui da Cragno e Gori. Il secondo, per le stesse motivazioni, vorrebbe far presto ritorno alla Fiorentina per poi accasarsi al Trapani, destinazione preferita al Latina. Da Trapani davano già per fatta la trattativa, ma oltre alla volontà del giocatore c’è di mezzo quella della società giallorossa che non vuole privarsi di un profilo under 21 irreperibile attualmente sul mercato. Bagadur, in sostanza, va via solo se c’è un sostituto sulla piazza. Stesso discorso vale per l’attacco (si vociferava sempre dalla Sicilia che il Trapani avesse offerto come contropartita ai sanniti l’attaccante Citro). Sicuramente in questi giorni Di Somma intensificherà il proprio lavoro, poi dopo la partita di sabato, l’orizzonte sarà più chiaro.

Lascia una risposta