Ha siglato a cavallo dei due tempi una doppietta che ha permesso al Benevento di riequilibrare il doppio svantaggio, all’esordio in Serie A e con la fascia di capitano al braccio: per Luca Caldirola è un inizio da sogno. Così ai microfoni di Ottochannel: “Non ci credevo. Fare doppietta da capitano, alla prima partita, è stato l’esordio perfetto. Son contento perché già il pareggio era importante così come lo era partire bene e ciò ha dimostrato che il Benevento può dare fastidio in Serie A. Non potevo desiderare esordio migliore”.

SAMPDORIA- BENEVENTO 2-3: LA SERIE A DELLA STREGA INIZIA DA FAVOLA

Impatto col match – “Siam partiti un po contratti. Abbiamo fatto tutto noi, sia i gol presi che fatti. Potevamo iniziare meglio, siamo andati sotto e poi abbiamo visto il Benevento dell’anno scorso. Se non hai grinta e carattere non la riesci a rimontare, complimenti ai ragazzi”.

Rimonta e gol – “Eravamo tranquilli perché sapevamo che la partita era difficile ma conoscevamo le nostre forze, non ci siamo abbattuti e abbiamo avuto delle occasioni. Il gol a fine primo tempo ci ha dato fiducia e nel secondo tempo siamo entrati consapevoli che potevamo riprenderla. Il 2-1 ci ha dato convinzione per il secondo tempo e la vittoria è stata strameritata. Daremo filo da torcere, non è il Benevento di 3 anni fa”.

Letizia e difesa – “Quando stava arrivando il pallone ho gridato di non tirare. Ha fatto una bellissima partita e i complimenti vanno a tutti. Glik e Foulon si sono integrati subito. Stiamo lavorando bene, a parte i gol dovuti a nostre distrazioni. Se fai mezzo errore prendi gol. La stagione è lunga e abbiamo tempo per lavorare”.

Montipò – “Lorenzo è un grande portiere e gli errori li fanno tutti, l’importante è reagire e son contento perché non era facile ma lui ha ripreso la partita”.

Assenza del pubblico – “Giocare senza pubblico non è bellissimo, soprattutto in casa abbiamo bisogno dei nostri tifosi che hanno dimostrato sempre il loro sostegno”.