Caso Tomaciello, fiducia da Mastella: “Nessuna perplessità”

Annalisa Tomaciello “ha tutti i requisiti per fare la consigliera e presidente di commissione: non c’è nessun problema, non vedo motivi di perplessità”: così Clemente Mastella interpellato dalla stampa, a margine dell’iniziativa Ricrea in piazza Castello, sul caso che vede coinvolta l’amministratrice eletta nella lista Benevento Bellissima. Il sindaco ha ribadito ai microfoni dei giornalisti la fiducia nei riguardi della Tomaciello già espressa personalmente a quest’ultima nell’incontro avuto stamane a Palazzo Mosti, dove si è riunita la commissione Bilancio da lei presieduta.

Tomaciello è stata raggiunta ieri mattina dalla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel territorio sannita, provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Sondrio Fabio Giorgi, al pari dell’imprenditore Andrea Taurino, originario di Bari e operante in Valtellina, dove risiede da anni. I due sono stati chiamati in causa in un’indagine per una presunta truffa di oltre 100mila euro condotta dalla Squadra Mobile di Sondrio e coordinata dalla locale Procura diretta da Piero Basilone.

Vittima del maxi-raggiro, secondo le indagini degli investigatori, sarebbe stata un’impresa con sede in Germania specializzata nella produzione di test antigenici contro il Covid 19. L’imprenditore 50enne e la consigliera sannita avrebbero fatto avere alla ditta – sempre secondo le accuse – l’anticipo di 2.500 euro, ma poi al momento del saldo avrebbero prodotto la copia di un avvenuto bonifico-tarocco.

Dalla Germania la merce è arrivata in Valtellina per essere stoccata in un magazzino di Castione (Sondrio), probabilmente lo stesso che poche settimane fa è stato distrutto da un incendio doloso che ha portato in carcere, con un’indagine-lampo dei carabinieri di Sondrio, gli autori materiali del rogo, entrambi pregiudicati residenti a Milano. Ora si cerca il mandante di quel rogo che ha completamente distrutto il capannone di cui Taurino, da un paio d’anni, era l’affittuario con la sua ditta di prodotti anche sanitari. “Taurino nella vicenda dell’incendio è vittima”, ha spiegato il suo avvocato Francesco Romualdi.

“Io sono garantista e questa mi pare sia una cosa abbastanza modesta” il commento di Mastella, che ha poi aggiunto: “Vedo cose fuori posto, ingenerosità, corvi che subito si son buttati sopra. Io e la mia famiglia abbiamo vissuto una tragedia per 11 anni, con più capi d’imputazione di Riina: avrei dovuto smettere da quanti anni? Io dico di attendere” ha chiosato il primo cittadino del capoluogo.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.