1

Alla Rocca evento in memoria dei musicisti ebrei massacrati nei lager

Il Circolo Manfredi promuove nella Sala Consiliare della Rocca dei Rettori di Benevento, sede istituzionale della Provincia, per domenica 27 novembre 2022 a partire dalle ore 17.30, l’evento “Memoria è. Note di … versi” per onorare la memoria dei Musicisti ebrei rinchiusi, in piena II Guerra Mondiale, nel lager di Terezin e successivamente massacrati a Birkenau. “Memoria è. Note di … versi” è un incontro che vuole onorare la memoria degli artisti trucidati, ma anche la forza dell’arte e della musica che supera ogni tempo e ogni barriera. L’evento alla Rocca dei Rettori, con il Patrocinio morale della Provincia di Benevento, della Comunità Ebraica di Napoli e del Comitato Terezin 17/10, sarà moderato dalla giornalista Enza Nunziato. Introdotti da Nunzio Castaldi del Circolo Manfredi, si esibiranno i musicisti Vittorio Coviello, flauto traverso, e Pietro Ciliento, chitarra.

Comunicato stampa




Clarissa Burt lunedì a Benevento per presentare il suo ultimo libro

L’attrice americana Clarissa Burt, in veste di autrice, ha scelto la città di Benevento, unica tappa al Sud, per presentare il suo ultimo libro dal titolo “Ridefinisci la Tua Autostima – Il piano d’azione perfetto per diventare la persona sicura di sé che sei destinata ad essere”, edito dalla casa editrice italiana EIFIS.

L’iniziativa è promossa dall’associazione no profit “Icosit” in collaborazione con l’AsDim (Associazione Diabetici Italia Meridionale) presieduta da Annio Rossi, l’associazione “Ali onlus” (presieduta da Alessandro Fucci), la Consulta delle Donne della Città di Benevento (presieduta da Angela De Nisco), l’associazione “Sannio Donna O.D.V. (presieduta da Milena Pregnolato) e l’associazione “La voce delle Donne” (presieduta da Rita Velardi). Clarissa Burt torna dunque in Italia per portare nuovi consigli per aiutarci a far fronte a questi tempi difficili in cui l’Autostima è sicuramente uno degli ingredienti principali per il nostro benessere.

“Ringrazio Clarissa Burt – dice il giornalista Mimmo Ragozzino, presidente di Icosit – che dopo Roma, Milano Marittima, Bologna, Bergamo e Milano, ha scelto Benevento quale unica tappa al Sud per presentare il suo nuovo progetto editoriale. Analogamente bisogna ringraziare tutte le associazioni locali che hanno aderito alla iniziativa”. L’incontro con Clarissa Burt si terrà lunedì 28 novembre (ore 10.30) nell’aula consiliare della Rocca dei Rettori, sede della Provincia di Benevento.

Comunicato stampa




Con “La Sirenetta” riparte la rassegna “Il Paese dei Sogni”

Ripartirà domenica 27 novembre alle ore 17,00, presso il Teatro San Nicola, “Il paese dei sogni”, la storica rassegna dedicata ai più piccini organizzata dalla compagnia Teatro Eidos, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Benevento. Il titolo in cartellone sarà “La Sirenetta”, della compagnia Arterie Teatro, scritto e diretto da Alessandra Sciancalepore e liberamente tratto dall’omonima fiaba dei Fratelli Grimm.

Dalle note di regia: “Cosa potrei fare per conquistare un’anima immortale? Gli uomini hanno un’anima che continua a vivere anche quando il corpo è divenuto polvere; e questa va su per l’aria tersa, sino in cielo, in mezzo allo scintillio delle stelle. Darei volentieri tutte le centinaia d’anni che ho ancora da vivere per divenire un essere umano e per aver la speranza di entrare anch’io nel regno dei cieli”. Amore, morte, sacrificio, anima, legami, diversità sono i grandi temi della fiaba di Andersen. Dagli abissi marini alla terra ferma la Sirenetta compirà un viaggio che comporterà la conoscenza del proprio corpo, il desiderio di cambiare e trasformarsi per AMORE, un amore ancora più grande dell’amore fra un uomo e una donna, l’amore verso la vita”.

La Compagnia Arterie Teatro è la nascita di una nuova esistenza nel mondo del teatro che si pone come ambizione quella di essere “arterie”, mezzo attraverso cui convogliare la linfa pulsante delle passioni, dei pensieri, dell’arte, del teatro, della vita, di ideali che si devono toccare con le mani, respirare nell’aria, vivere non solo nei pensieri. Perché il Teatro sia Arte per quello che l’Arte deve essere, espressione poetica che non si prostri d’innanzi ad alcuna convenzione.

Per informazioni e prenotazioni
Tel.: 0824.58474 / 335.413060 – www.teatroeidos.itinfo@teatroeidos.it
N.B.: I biglietti potranno essere prenotati via mail. L’acquisto potrà avvenire on line sul sito del Teatro Eidos alla sezione Ticket oppure il giorno dello spettacolo presso il Teatro San Nicola dalle ore 16,00. Posto unico: € 7,00.




Dal successo delle cover in ukulele al singolo d’esordio: l’ascesa di Nilo

Le sue cover in compagnia dell’inseparabile ukulele hanno conquistato i social raccogliendo centinaia di migliaia di visualizzazioni, like e repost dagli artisti stessi e dal 28 ottobre ha coronato l’apice dell’ascesa nel mondo musicale con il singolo di esordio “Banksy” (distribuito da ADA Music Italy): stiamo parlando di Nilo, giovane cantante classe ’97 originaria di Benevento. Maria, nome di battesimo, è laureata in Canto Pop al Conservatorio di Benevento, dove ha ricevuto proprio in quella occasione il suo primo ukulele che fa da sottofondo ai tanti video pubblicati nel corso del lockdown, creando una community sempre più ampia. Così ha conosciuto il suo attuale produttore musicale Davide Gobello e l’autore Francesco Guasti che per lei hanno scritto “Banksy”. Il brano è cullato dalla dolcezza dell’inconfondibile voce di Nilo e da un equilibrato ed essenziale accompagnamento indie-pop. Le parole rispecchiano la sua spiccata fragilità e sensibilità, narrando la fine di una storia d’amore contraddittoria ma con il sentimento che prevale ancora. “Scrivere non mi è mai risultato facile o istintivo – racconta Nilo – probabilmente perché non riesco a dare un ordine alle mille cose che penso, ma qualcun altro c’è riuscito per me. È strano e allo stesso tempo affascinante. Quando Francesco mi ha mandato la prima strofa con il primo ritornello ero incredula, non avevo raccontato molto di me al tempo ma nonostante questo quel testo mi rispecchia alla perfezione”. Inoltre, in occasione dei novant’anni di Sugar, Nilo collaborerà rivisitando e reinterpretando alcuni dei brani più famosi dell’etichetta. La giovane artista si è così raccontata a Cronache del Sannio:

Nilo, parlaci del percorso emozionale che ha portato alla nascita del primo singolo: dalle cover a un inedito c’è una bella differenza.
Sono convinta che tutto accade nel momento giusto. Qualche anno fa non avrei mai immaginato di raggiungere questi risultati, non riuscivo neanche a mostrare il mio volto nei video che pubblicavo su Instagram. Poi con la quarantena, il Covid, il silenzio, ho riflettuto e mi sono messa in gioco pubblicando le cover. Grazie a queste ho conosciuto Davide Gobello, il mio produttore, la persona giusta al momento giusto. Ora ho voglia di farmi conoscere davvero e un inedito ti mette a nudo completamente, sei tu e il tuo vissuto.

Il successo delle cover sui social: a quale sei più legata? E un complimento “speciale” ricevuto dall’artista originale?
Di sicuro ad “Irene” dei Pinguini Tattici Nucleari, la prima cover che ho pubblicato con l’ukulele. Qualche ora dopo averla caricata arrivò la ricondivisione dei Pinguini, ero incredula, felice da morire, ed è stato un chiaro segno che quella era la strada giusta da percorrere. Ogni commento è speciale, anche un semplice cuore o “è fantastica”, proprio perché è inaspettato.

Raccontaci il tuo primo incontro con l’ukulele.
Mi ero appena laureata al Triennio di Canto Pop in Conservatorio ed è stato il miglior regalo ricevuto nella mia vita. Da quel giorno non ci siamo più separati è stato amore a prima vista. Continua a riempire le mie giornate di serenità, spensieratezza e tanta tanta musica.

E il rapporto con la tua terra?
Ci sono momenti in cui ho creduto che per raggiungere tutti i miei sogni avrei dovuto allontanarmi da casa, ma ogni volta che ho provato a farlo perdevo il mio equilibrio. La pace che mi dà il mio piccolo paesino difficilmente riesco a trovarla altrove. Ho capito di non amare le grandi città, ma amo svegliarmi, guardare fuori dalla finestra, assaporare il silenzio, la pace e tutto il bello che la natura offre qui.

Obiettivi per il prossimo anno.
Lavorare, lavorare e lavorare. Ci sono tanti nuovi pezzi da finire e non vedo l’ora di farveli ascoltare. Allo stesso tempo le cover continueranno ad esserci e magari perché no, inizieranno presto anche i live!




Teatro Comunale, lunedì l’approfondimento tematico “Dal Vangelo a Caravaggio”

Lunedì 28 novembre al Teatro Comunale “Vittorio Emmanuele” di Benevento, alle ore 19, P. Jean-Paul Hernandez SJ, sacerdote, gesuita, teologo ed esperto d’arte, racconta la vocazione di San Matteo attraverso il capolavoro di Caravaggio, nell’incontro di approfondimento tematico “Dal Vangelo a Caravaggio”. Si tratta di una lettura teologico-spirituale del famosissimo dipinto di Michelangelo Merisi che si trova nella chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma; un dialogo tra arte e spiritualità cadenzato dall’accompagnamento musicale dell’orchestra Filarmonica di Benevento. Attualmente P. Hernandez spiega e commenta per TV2000 nella trasmissione “Sulla Strada”, il Vangelo della domenica, in chiese e basiliche che conservano tesori d’arte.

L’appuntamento al Teatro Comunale di Benevento rientra tra le iniziative che l’Arcidiocesi di Benevento ha in programma per i prossimi anni sulla scorta delle indicazioni della lettera pastorale dell’arcivescovo mons. Felice Accrocca, “Lampada ai nostri passi”, nella quale il presule, ponendo l’accento sull’importanza di ancorare la vita della Chiesa alla Parola di Dio, offre suggerimenti concreti e spunti di approfondimento.

Comunicato Stampa




“Una causa persa”: la commedia in scena all’auditorium Spina Verde

Dopo le tappe di Roma e Napoli, sabato 26 Novembre ore 21.00 all’Auditorium Spina Verde di Benevento ci sarà la commedia “Una causa persa”, scritta, diretta e interpretata da Angelo Sateriale che sarà sul palcoscenico con gli attori beneventani Georgia de’ Conno e Pier Paolo Palma. Benedetto Portabene è un avvocato squattrinato costretto a difendere clienti improbabili. Uno di questi è Giovanni Mazzetti, un eccentrico personaggio che ha il divieto di avvicinamento nei confronti della sua ex fidanzata Marzia Giulini. L’avvocato, preoccupato dal pensiero che il suo assistito, dopo la condanna, possa continuare a fare sciocchezze, si reca precipitosamente a casa del cliente. Scoperte inattese, bugie infondate e reazioni squilibrate, sono alcuni ingredienti di una commedia esilarante dal finale travolgente. Benedetto Portabene è un avvocato squattrinato costretto a difendere clienti improbabili. Uno di questi è Giovanni Mazzetti, un eccentrico personaggio che ha il divieto di avvicinamento nei confronti della sua ex fidanzata Marzia Giulini. L’avvocato, preoccupato dal pensiero che il suo assistito, dopo la condanna, possa continuare a fare sciocchezze, si reca precipitosamente a casa del cliente. Scoperte inattese, bugie infondate e reazioni squilibrate, sono alcuni ingredienti di una commedia esilarante dal finale travolgente. Info e prenotazioni sms, Whatsapp 3283931460.




BenTorrone, dolcezze e spettacoli animeranno il centro storico

Tutto pronto ormai per BenTorrone 2022 e nella tarda mattinata di oggi, presso la sala consiliare di Palazzo Mosti, è stata presentata la rassegna enogastronomica e culturale in programma da domani e fino a domenica lungo Corso Garibaldi. Organizzata dall’Associazione Italiana Eventi, in collaborazione con la Pro Loco Samnium di Pino Petito, la manifestazione è patrocinata dal Comune e l’assessore alle attività produttive, Luigi Ambrosone, ha sottolineato l’importanza di tale evento. “È una rassegna che abbiamo fortemente voluto e il torrone, essendo una tradizione antica della nostra città, ci è sembrato giusto celebrarlo nel migliore dei modi. Una manifestazione curata nei minimi dettagli e ci auguriamo davvero che, così come tutti gli altri eventi che ci sono stati di recente, possa avere un notevole successo di pubblico. Sarà, quindi, un’altra occasione che porterà tantissime persone a visitare la nostra città e davvero lodevole sarà anche la presenza di due scuole cittadine, quali l’Istituto Alberti e Alberghiero ‘Le Streghe’. La nostra città, non lo dico io ma lo dicono i numeri, è una delle poche città italiane ad esser cresciuta nel 2022 e vogliamo continuare su questo trend anche nel prossimo anno”.

A svelare, invece, tutti i dettagli della manifestazione è stato Giuseppe Lupo, delegato per la Campania di Italia Eventi. “Quella al via domani è una kermesse che abbiamo voluto riprendere su iniziativa del sindaco Clemente Mastella e dell’assessore Luigi Ambrosone e siamo molto contenti di tornare in questa città molto accogliente e bella. La manifestazione avrà inizio domani alle 10 e fino a domenica sera sarà sempre a ingresso libero. Gli espositori, provenienti da ben sei regioni: Campania, Calabria, Puglia, Sicilia, Toscana e Umbria, saranno trentadue e di questi ben otto sono sanniti. Ci sarà poi la fabbrica del cioccolato e del torrone artigianale che coinvolgerà in modo particolare gli studenti degli Istituti Alberti e Le Streghe e inoltre l’artista Assunta Improta realizzerà con il cioccolato l’Arco di Traiano. Il laboratorio rappresenterà la prima fabbrica itinerante del cioccolato artigianale e per l’occasione abbiamo invitato tutte le scuole della città, con gli studenti che potranno apprendere le modalità attraverso le quali si ricava il cacao fino ad arrivare alla lavorazione del cioccolato. Abbiamo fortemente pubblicizzato questa manifestazione anche in provincia perché vogliamo che tanta gente venga qui a Benevento e ringrazio fin da ora tutti coloro che parteciperanno”.

Un importante evento sul quale si è soffermato anche il vicesindaco Francesco De Pierro: “Hanno già detto tutto coloro che mi hanno preceduto e ringrazio gli organizzatori, Pino Petito della Proloco Samnium, le scuole e tutti coloro che si sono prodigati affinché questa manifestazione tornasse ad esserci. Una kermesse che mancava ormai da diversi anni in città e nonostante le risorse limitate siamo riusciti a riproporla. Metterà insieme, inoltre, una serie di aspetti e come amministrazione ci auguriamo che porti notevoli benefici anche i commercianti del centro storico”.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione anche il consigliere e presidente della commissione attività produttive, Alboino Greco, il dirigente comunale Gennaro Santamaria, il presidente della Proloco Samnium Pino Petito, la dirigente dell’Istituto Alberghiero Antonella Gramazio e la rappresentante dell’Istituto Alberti Anna Clorinda Ricci.

Ecco di seguito i laboratori e gli spettacoli di BenTorrone 2022:

  • Giovedì 24 novembre

Dalle 10 alle 14 – Dalla fava di cacao al cioccolato a cura della Prima Fabbrica culturale europea del cioccolato itinerante
Dalle 16 alle 20 – Il cioccolato fatto in casa a cura della Prima Fabbrica culturale europea del cioccolato itinerante

  • Venerdì 25 novembre

Dalle 10 alle 14 – Dalla fava di cacao al cioccolato a cura della Prima Fabbrica culturale europea del cioccolato itinerante
Dalle 16 alle 20 – Il cioccolato fatto in casa a cura della Prima Fabbrica culturale europea del cioccolato itinerante
Ore 17 – Teatro di burattini di antica tradizione di Giorgio Ferraiolo
Ore 18 – Mandarino volante in “Il conte Bollicin” – spettacolo con bolle di sapone
Organetto e Tammorre

  • Sabato 26 novembre

Dalle 10 alle 14 – Dalla fava di cacao al cioccolato a cura della Prima Fabbrica culturale europea del cioccolato itinerante
Ore 11 e ore 16 – Teatro di burattini di antica tradizione di Giorgio Ferraiolo
Artisti distratti con i trampolieri luminosi
Ore 16 – Realizziamo insieme la tavoletta di cioccolato artigianale l’Arco di Traiano in cioccolato a cura dell’artista Assunta Importa e dagli scultori artigiani del cioccolato
Ore 18 – Il croccante alla nocciola di Giffoni IGP a cura dell’Azienda Agricola Nobile
Gruppo folkloristico Fontana Vecchia Casalduni
Ore 19 – Il torrone di Benevento a cura del maestro Saverio Volume Ficociello

  • Domenica 27 novembre

Dalle 10 alle 14 – Dalla fava di cacao al cioccolato a cura della Prima Fabbrica culturale europea del cioccolato itinerante
Ore 11 e ore 16 Teatro di burattini di antica tradizione di Giorgio Ferraiolo
Ore 11 – Artisti distratti con Giocoliera
Ore 16 – Realizziamo insieme la tavoletta di cioccolato artigianale l’Arco di Traiano in cioccolato a cura dell’artista Assunta Importa e dagli scultori artigiani del cioccolato
Ore 17 – Artisti distratti con spettacolo del fuoco
Ore 18 – Il torrone di Benevento a cura del maestro Saverio Volume Ficociello
Gruppo di musica popolare Fusione
Ore 19 – Il croccante di mandorla e di pistacchio a cura di Dolci Capricci Siciliani




Stage di autodifesa e difesa personale, iniziative di UsAcli contro la violenza sulle donne

Non solo convegni e dibattiti contro la violenza sulle donne, ma l’UsAcli di Benevento, l’Authentic Wing Tsun  Academy e l’Asd ‘La Volpe e Lairone’ organizzano in occasione appunto della giornata mondiale contro la violenza sulle donne uno stage gratuito aperto a tutte le donne dai 15 anni ai 70 anni per sabato 26  novembre. Uno stage di Wing Tsun, autodifesa e difesa personale.

“Consapevoli del fatto che in sole 5 ore non è assolutamente possibile pretendere di imparare un sistema di difesa personale che richiede ben altro tempo di pratica – afferma Alessandro Pepe, Presidente USAcli Benevento -, lo stage avrà come scopo principale quello di dare indicazioni strategiche di autodifesa (base) dando la possibilità a quante più persone possibili di avvicinarsi alla pratica del Wing tsun AWTA , straordinario sistema ideato da una donna per le donne”. Il programma prevederà vari blocchi lezione: tecniche preventive; tecniche strategiche; tecniche e tattiche di difesa personale; gestione del confronto; prese ( polsi, gola, capelli, nuca); divincolamenti; anti suolo (prevenzione alla caduta, come cadere in sicurezza, gestione del corpo da terra, come rialzarsi in sicurezza); lotta a terra; tecniche ‘anti stupro’; lavoro con scudi e colpitori; escrima; utilizzo di oggetti comuni come armi di difesa (borsa, ombrello, penna, rivista, etc,.). La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutte le donne.

La prenotazione è obbligatoria in modo da poter conoscere il numero dei partecipanti. Per prenotarsi contattare il 3381468024 entro venerdì 25 novembre.

Lo stage si terrà presso l’accademia di difesa personale Asd La Volpe e L’Airone’. “Credo fermamente che il sistema Wing Tsun AWTA possa essere un valido strumento per tutte le donne – afferma ancora Pepe – nel quale accresce in esse autostima, sicurezza, autocontrollo, dando così la giusta forza per reagire, denunciare e soprattutto difendersi in modo efficace nel momento del bisogno, limitando, cosi facendo, – conclude Alessandro Pepe – il più possibile i danni scaturiti da un’aggressione”. 

Comunicato stampa




Torrecuso, presentazione di “All’ombra del tacco” di Annamaria Venere

Sarà presentato a Torrecuso sabato 26 Novembre 2022, “All’Ombra del Tacco”, il thriller psicologico ed esoterico della sociologa e criminologa forense Annamaria Venere. L’evento – in programma alle ore 18.30 nella “Sala Nicchie” di Piazza Fusco – rientra nella prestigiosa rassegna letteraria “Borghi della Lettura”, sostenuta dal Comune di Torrecuso e dalla Nuova Pro Loco Torricolus. Parte del racconto è stato ambientato proprio a Torrecuso.

“Durante la costruzione del romanzo – dichiara Annamaria Venere – ho deciso che Flora, la protagonista, dovesse vivere in una zona a circa tre ore e mezzo dal luogo del delitto e sua sede di lavoro. Ho voluto che fosse il fato a guidarmi e dopo una serie di “sorteggi” con i nomi di regioni e province, è venuto fuori Torrecuso. Ho cominciato a fare ricerche e leggere di questo borgo e del suo territorio fino ad innamorarmene”.

Alla presentazione sarà presente l’autrice – di origine pugliese, ma siciliana di adozione – che parteciperà ad una conversazione con il giornalista Salvo Falcone. Passaggi tratti dalle pagine del libro saranno interpretati dall’attrice Mariarosaria Preziosi del Laboratorio di Musical “Ademas”. Interverranno il sindaco di Torrecuso Angelino Iannella, l’assessore comunale Teresa Rapuano, Antonio Sauchella per “Borghi della lettura” e Mirko Angelone presidente della Nuova Pro Loco Torricolus. Collabora all’evento C@alliope.

“Dopo la pubblicazione del romanzo ho pensato che dovessi, assolutamente, visitare Torrecuso. L’accoglienza – prosegue l’autrice – è stata straordinaria, ho conosciuto persone affettuose e disponibili a mostrarmi e raccontarmi, con orgoglio, la storia del luogo. Il Sindaco, Angelino Iannella, mi ha accolta come fossi stata una vecchia amica e questo mi ha riempito di gioia, emozionandomi”.

La vicenda narrata in “All’Ombra del Tacco” (2022, Daimon Edizioni, copertina di Davide Gianmaria Aricò) è ambientata alla fine degli anni ’90 anche nella località di Torrecuso, ma è all’interno di un trullo pugliese adibito a casa-vacanze che vengono rinvenuti tre cadaveri. A capo delle operazioni il capitano dei Carabinieri Marcello Gentile che, ormai da anni, si avvale dell’aiuto della sua amica Flora, insegnante elementare, ma dotata di grande intuito e talento investigativo. La “firma” dell’assassino è inequivocabile: si tratta di Cagliostro. Il killer ha già colpito in passato e il nome in codice, affibbiatogli dalle forze dell’ordine, è riconducibile a strani simboli di natura esoterica che disegna sui muri con il sangue delle vittime. Flora intuisce che Cagliostro li sta sfidando, disseminando la scena del crimine di elementi che annunciano dove avverrà il prossimo omicidio. Inizia una folle corsa contro il tempo e i due coinvolgeranno Paolo, giornalista di cronaca nera, uomo schivo, diffidente, appassionato di storia, con la dote del segugio e che non si ferma neppure quando si tratta di scovare possibili collegamenti tra vecchi libri rari. Seguendo le tracce lasciate da Cagliostro, Flora e Marcello partiranno per L’Aquila con l’intento di intercettare la follia che coinvolge sia vivi che morti e dove li attenderà un altro triplice omicidio. La trama si infittisce, ambigui e misteriosi personaggi sembrano avere uno strano legame con le uccisioni, paiono tutti potenziali assassini. I fatti imprevedibili non mancano, si fanno pressanti, tanto che non si sa più di chi fidarsi e da chi guardarsi. L’articolazione della trama non presenta nessuna fantascienza, nessuna scena truculenta da macelleria, ma è una storia che racconta di vita, di superstizione e di morte, con un importante ma realistico sfondo di spunti psicopatologici che si riscontrano, pagina dopo pagina.

Annamaria Venere nasce a Gioia del Colle il 21 ottobre del ’66 e trascorre l’infanzia nel suo paese natale. Da piccola sogna di fare la cantante lirica ma, non trovando condivisione in famiglia, si appassiona alla lettura e alla pittura che abbandonerà definitivamente a tredici anni. Con l’inizio dell’adolescenza comincia a provare il disagio dell’irrequietudine e, consigliata dalla sua giovane professoressa di italiano, comincia a scrivere storie che narrano i suoi pensieri. Annamaria, con spirito talvolta ironico e dissacrante, talvolta profondo e doloroso o ancora, caratterizzato da malinconico ottimismo, nel corso di quattro anni scriverà undici racconti brevi. A diciassette anni, affascinata da un volume di sociologia, inizia ad approfondire lo studio attraverso altre opere, studi che condurrà in maniera autonoma e disorganizzata per molti anni. Si trasferisce a Bari, si laurea in Scienze delle professioni sanitarie e inizia la sua attività professionale nella splendida cornice della Valle D’Itria, luogo del quale s’innamorerà profondamente. Viaggiare per quasi 200 km al giorno (lo farà per dieci anni), rappresenterà l’opportunità per raccogliere appunti dettati al suo piccolo registratore, dal quale diventerà inseparabile. Donna dallo spirito indipendente, sarcastica, amante delle metafore, cultrice del disincanto, acuta osservatrice della specie umana, spia e coglie sguardi che altri non afferrano e ne lascia traccia scritta: per lei è un modo di tenere insieme ciò che era destinato ad essere dimenticato. In quegli anni scopre la sua naturale propensione all’ascolto degli altri e la comprensione dei vissuti delle persone e decide di iscriversi nuovamente all’Università, alla facoltà di Sociologia.

Consegue presso l’Università Alma Mater Studiorum, Polo di Forlì ‘R. Ruffilli’ la laurea magistrale in “Sociologia, Politiche Sociali e Sanitarie” e successivamente perfeziona la formazione in “Criminologia Forense” presso l’Università di Messina. In parallelo a questi progetti e agli studi è coautore di ‘Elementi di comunicazione per le professioni sanitarie. Strategie operative per le aree infermieristica, preventiva, riabilitativa e tecnica’ (Franco Angeli, Milano 2008), ‘Il falso in Sanità. Problematiche giuridiche e aspetti sociologici’ (Franco Angeli, Milano 2013), ‘L’infermiere di famiglia e cure primarie: aspetti gestionali e competenze cliniche” (Piccin Nuova Libraria, Padova 2017). Nel frattempo, la sua vita privata e professionale “attraversano” lo stretto e si realizzano in Sicilia dove tutt’ora vive. Si sposa e ha due figli, Carla e Flavio. Nel 2009, fonda a Catania una società di organizzazione di eventi medico scientifici e formazione sanitaria e diventa Provider ECM. Successivamente, la stessa società diviene editore di Medicalive Magazine, rivista online d’informazione del settore sanitario e viene nominata Direttore Editoriale. Pubblica svariati articoli e nel 2020 il suo ultimo lavoro scritto in collaborazione con due ufficiali dell’Arma dei Carabinieri ‘Vittime di violenza di genere. La gestione giuridica dell’operatore sanitario’ (Franco Angeli, Milano 2020). Con il tempo, si riconosce sempre più nel mondo della scrittura e la sua natura creativa si mostra durante il periodo del lockdown da Covid-19 del 2020, quando decide di sperimentare un genere per lei nuovo, con ‘All’ombra del tacco’.

Comunicato stampa




Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, le iniziative della Consulta in città

“What Were You Wearing” è una mostra promossa dall’università del Kansas da un progetto di Jen Brockman e Mary Wyandt-Hiebert, esposta per la prima volta all’Università dell’Arkansas dal 31 marzo al 4 aprile 2013, ispirata al poema «What I was Wearing» di Mary Simmerling.
L’associazione Libere Sinergie replica l’iniziativa in Italia, contestualizzandola al nostro ambiente socio-culturale e ne ha concesso l’utilizzo alla Consulta delle donne del Comune di Benevento che l’allestirà alla Sala dell’Acquedotto della Rocca dei Rettori dal 25 al 26 novembre prossimi.

Si tratta di un progetto di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne che parte da una domanda posta correntemente a chi subisce molestie o violenza sessuale: “Come eri vestita? è una domanda che troppo spesso viene rivolta alle donne che hanno subito una violenza sessuale. La domanda, che sottende gravi stereotipi sessisti e pregiudizi, ha delle pesanti implicazioni e un impatto negativo sulla donna che ha subito violenza, poiché presuppone l’idea che la vittima avrebbe potuto evitare lo stupro se avesse indossato abiti meno succinti o meno sexy.
Questa mostra ha lo scopo di smantellare questo pregiudizio e i suoi obiettivi sono: smontare gli stereotipi che colpevolizzano le vittime di stupri; sensibilizzare la comunità in merito al tema, in una società ancora troppo intrisa di violenza e di abusi sessuali; un intervento indiretto di “cura” sulle vittime, che possono realizzare e prendere consapevolezza che la violenza sessuale non è stata causata dagli abiti che indossavano; sviluppare una maggior conoscenza del fenomeno e degli stereotipi che lo giustificano.


Nell’ambito dell’iniziativa, il 25 novembre alle 16:00, la presentazione del libro “Lidia Poet-la prima avvocata” di e con Ilaria Iannuzzi e Pasquale Tammaro che dialogheranno con Elide Apice.
Prima dell’incontro i saluti istituzionali del presidente della Provincia Nino Lombardi, del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, dell’assessora alle politiche sociali Carmen Coppola, dell’assessora alla cultura Antonella Tartaglia Polcini e della presidente della Consulta delle donne Angela De Nisco.
Previsto un confronto dibattito con le avvocate Lucrezia D’Abbruzzo e Luisa Faiella.
Per la partecipazione alla presentazione del libro il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati rilascia tre crediti formativi

Il 26 novembre, infine la performance artistica di Mario Lanzione , “Alfa e Omega”.
La due giorni sarà arricchita dalle installazioni artistiche degli allievi e delle allieve della 2° e della 4C del Liceo artistico Virgilio guidati dai docenti Lorenzo Caporaso e Biagio Maio, referente del progetto Tiziana Iuzzolino oltre che dall’installazione artistica di Daria Bollo.

 All’iniziativa, patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Benevento collaborano diversi enti ed associazioni del territorio: Assessorato alle politiche sociali e Assessorato alle Cultura del Comune di Benevento, Ordine degli avvocati di Benevento, Comitato Pari opportunità Foro di Benevento, Liceo Artisticio Virgilio,Lions Club Benevento Host, Lyons Club, Benevento Arco Traiano, Rotary club, Inner Wheel, Fidapa, Centro Studi Danza Carmen Castiello, Ordine dei Medici di Benevento.

Questo il programma della due giorni

“What Were You Wearing – Come eri vestita
Rocca dei Rettori 25/26 novembre 2022
 a cura della Consulta delle Donne di Benevento con il patrocinio gratuito della Provincia e del Comune di Benevento e in collaborazione con   Assessorato alle politiche sociali e Assessorato alle Cultura del Comune di Benevento

Venerdì 25 novembre 2022
 ore 10:30 –  Piazza Santa Sofia, “Selfportrait”, performance artistica a cura del Centro Studi Danza Carmen Castiello, immagine di Bruno Marucci

ore 11:00 “Segui il filo” corteo fino alla Rocca dei Rettori dove si inaugurerà la mostra  “What were you Wearing?”, allestimento a cura di Marina Caiazzo

ore 16:00 presentazione del libro “Lidia poet – la prima avvocata” di Ilaria Iannuzzi e Pasquale Tammaro

 L’incontro, moderato da Elide Apice, prevede oltre i saluti istituzionali della presidente della Consulta, Angela De Nisco, il racconto di due avvocate del foro di Benevento. Inoltre sarà considerato corso di formazione professionale per l’Ordine degli Avvocati.

Negli spazio concessi saranno esposte le installazioni delle 2°, con Lorenzo Caporaso e della 4Ccon il Biagio Maio, referente Tiziana Iuzzolino e l’installazione di Daria Bollo.

Sabato 26 novembre 2022
 ore 10:30 – “Alfa e Omega” performance artistica a cura di Mario Lanzione

ore 17:30 – lettere di donne, lettura di testi sul tema

Comunicato stampa