Clima, Fridays for Future torna a riunirsi e rilancia l’impegno green per la città

“Vogliamo far sentire il nostro fiato sul collo a tutti i politici e i delegati che rappresentano le nazioni”. Sfrontato e senza barocchismi, il messaggio lanciato dai manifestanti che hanno preso parte al “Block the Planet” (la quarta giornata di mobilitazione globale per il clima). Il corteo, iniziato con il raduno di studenti e manifestanti a Piazza Risorgimento, è stato aperto da un unico striscione Fridays For Future di Benevento a rimarcare l’origine di una lotta giovanile che non vuole essere strumentalizzata da altri loghi e da altre bandiere. Così, su cartelloni, stendardi e bandiere, sono comparse oggi soltanto frasi inerenti a lotte ambientali e slogan (anche ironici) sugli effetti del cambiamento climatico e del surriscaldamento globale.

L’attenzione di questa manifestazione, stavolta, è puntata tutta sulla COP, la conferenza delle parti sul clima convocata dall’ONU e da tutte le nazioni e che si svolgerà a Madrid dal 2 all’11 dicembre. “Questa COP e quella successiva – ha dichiarato l’associazione FFF di Benevento – saranno cruciali per garantire obiettivi di azzeramento di emissioni”.

Il corteo, accompagnato dalle musiche della Banda del Bukò, ha attraversato le principali arterie del centro storico e si è concluso con il rientro a Piazza Risorgimento, svolgendosi all’insegna del rispetto ambientale, senza l’uso di fumogeni, generatori e qualsiasi altro tipo di attrezzature inquinanti.

All’interno del video le dichiarazioni della referente territoriale di Fridays For Future, Roberta Zoppoli.

Servizio Mario Martino
Riprese e montaggio Guido del Sorbo

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.