Como-Benevento 2-1: è una Strega sempre più in crisi

Al “Sinigaglia” la decima giornata di serie B propone il match Como-Benevento, con le due squadre relegate nei bassifondi della classifica e a caccia di punti pesanti. Tra i lariani ci sono Cutrone e Cerri nell’undici titolare, con i due attaccanti supportati da Chajia sulla trequarti. Cannavaro, invece, passa dal 3-4-2-1 al 3-4-1-2, con Ciano alle spalle delle due punte Forte e l’ex La Gumina. Scelte obbligate in difesa e davanti a Paleari ci sono Leverbe, Capellini e Pastina, con Improta e Letizia sugli esterni e Karic ad affiancare Schiattarella in mezzo al campo. La partita si mette subito in salita per il Benevento, con il Como che al 4′ la sblocca: erroraccio di Leverbe che si fa sottrarre la sfera da Cerri e l’ex Cagliari gonfia la rete. Incassato il gol, la reazione del Benevento non tarda ad arrivare e all’8′ ristabilisce la parità proprio con Leverbe che di testa, dagli sviluppi di un angolo, si fa perdonare e realizza il suo primo gol in giallorosso. Al 14′ Cannavaro è costretto al primo cambio, con Ciano che abbandona il campo in seguito a un contatto di gioco con Ioannou e al suo posto entra in campo Koutsoupias. Al 22′ i padroni di casa si riportano in vantaggio e lo fanno sempre con Cerri che di testa indisturbato capitalizza il cross di Chajia e beffa nuovamente Paleari. Al 29′ primo cambio forzato anche per i lariani, con Chajia che si infortuna e al suo posto entra in campo Blanco. La Strega anche in riva al lago è allo sbaraglio e pure il Como dà la l’impressione di poterla impensierire ogni qualvolta entra nella parte di campo dei giallorossi. Al 43′ la troupe di Cannavaro prova a scuotersi e Improta chiama alla parata Vigorito dagli sviluppi di un calcio d’angolo. La prima frazione termina con i padroni di casa avanti e contro un Benevento che, ancora una volta, sta mettendo in evidenza tutte le lacune emerse in questo primo scorcio di campionato.

La ripresa inizia con due cambi, uno per parte, tra le due squadre. Nel Como c’è, infatti, Ghidotti tra i pali e non Vigorito infortunatosi nella prima frazione e nella Strega spazio invece a Farias che prende il posto di Leverbe e il Benevento passa di fatto al 4-3-3. Al 7′ occasione per il Benevento, con Farias che serve l’ex La Gumina che da ottima posizione calcia clamorosamente su Ghidotti. Al 13′ timido tentativo dalla distanza di Karic e pallone che si spegne sul fondo. Al 15′ ci prova anche Farias e la conclusione del brasiliano fa il solletico a Ghidotti che blocca senza problemi la sfera. Al 24′ Cannavaro aumenta ulteriormente il peso dell’attacco schierando Foulon e Simy al posto di Improta e Karic, con la Strega che passa al 4-2-4 per cercare di strappare almeno un punto da questa partita. Al 32′ cross dalla destra di Koutsoupias e Ghidotti smanaccia il pericolo in angolo. Dal successivo corner conclusione innocua di Farias e Ghidotti fa sua la sfera. Al 39′ scambio sulla catena di sinistra tra Farias e Foulon, con il belga che pesca al centro Forte e l’ottantotto giallorosso sotto la porta fallisce l’aggancio con la sfera e pallone fuori. Al 43′ dagli sviluppi di un angolo si fa notare Simy e il suo colpo di testa finisce oltre la traversa. Al 43′ occasionissima per il Como per chiudere la partita e Parigini a tu per tu con Paleari calcia sul portiere giallorosso. Al 45′ cross di Farias dalla destra e colpo di testa di Iovine che allontana il pallone in angolo. Nel recupero assalto finale della Strega che ci prova con una punizione calciata da Vokic e Ghidotti respinge: sulla respinta La Gumina crossa al centro e Capellini spedisce fuori. È l’ultimo tentativo, con il Benevento che rimedia un’altra sconfitta e in classifica viene raggiunto proprio dal Como a quota nove punti. Profonda crisi e appena due i punti conquistati nelle ultime sei gare.

Tabellino
Como
(4-3-1-2): Vigorito (1′ st Ghidotti); Vignali, Solini, Odenthal, Ioannou; Arrigoni (36′ st Iovine), Bellemo, Baselli (26′ st Celeghin); Chajia (29′ pt Blanco); Cutrone (26′ st Parigini), Cerri. A disp.: Binks, Cagnano, Fabregas, Gabrielloni, Scaglia, Delli Carri, Mancuso. All.: Moreno Longo
Benevento (3-4-1-2): Paleari; Leverbe (1′ st Farias), Capellini, Pastina; Improta (24′ st Foulon), Karic (24′ st Simy), Schiattarella, Letizia; Ciano (14′ pt Koutsoupias); Forte (40′ st Vokic), La Gumina. A disp.: Manfredini, Locatelli, Masciangelo, Thiam Pape, Basit, Veltri. All.: Fabio Cannavaro
Arbitro: Davide Ghersini della sezione di Genova
Assistenti:
Daniele Bindoni della sezione di Venezia e Paolo Laudato della sezione di Taranto
IV ufficiale:
Stefano Milone della sezione di Taurianova
Var:
Luca Banti della sezione di Livorno
Avar:
Stefano Liberti della sezione Pisa

Marcatori: 4′ pt, 22′ pt Cerri (C), 8′ pt Leverbe (B)

Note: terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Ioannou (C), Schiattarella (B), Koutsoupias (B), Leverbe (B), Forte (B), Farias (B), Odenthal (C). Espulsi: dalla panchina l’allenatore del Como, Moreno Longo, per proteste e in precedenza ammonito. Recupero: 3′ pt, 5′ st

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.