hansel e gretel

La dodicesima edizione di “AnGHInGò Scuola”, rassegna teatrale dedicata alle scolaresche, ha avuto termine nei giorni scorsi, facendo seguito alla conclusione (a marzo) de “Il paese dei sogni”, programmazione domenicale pensata per i più piccini e le loro famiglie, giunta alla sua quattordicesima edizione.
Entrambe le manifestazioni, organizzate dalla compagnia Teatro Eidos, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Benevento, hanno riscosso anche stavolta un grande successo di pubblico, che ha accompagnato i dodici spettacoli (in più repliche) di “AnGHInGò Scuola” e i sei de “Il paese dei sogni”: moltissime sia le famiglie, sia le scuole di Benevento e provincia, che hanno aderito alle iniziative, permettendo ai piccoli spettatori la fruizione di cartelloni davvero rappresentativi delle migliori produzioni nazionali attuali. Ricordiamo, tra le altre, la nuova messa in scena targata Eidos, “La musicista di Auschwitz”, “Cinderella” (di Arterie Teatro), in italiano e in inglese e “L’Albero del Sole” (dei Teatrini), spettacolo itinerante all’interno dell’Hortus Conclusus, che ha confermato la vocazione della Eidos a valorizzare il contesto territoriale e i suoi beni artistici.
In attesa di allestire le rassegne della prossima stagione, la compagnia è ora impegnata nelle prove finali di molti laboratori scolastici, in cui è stata assiduamente coinvolta anche quest’anno. Inoltre, in seguito all’acquisizione di alcuni locali dell’ex impianto di lavorazione del tabacco dell’Eti di San Giorgio del Sannio (ottenuti grazie alla decisione del Presidente della Provincia di Benevento, Claudio Ricci) è volontà del Teatro Eidos implementare il proprio radicamento nella comunità attraverso l’istituzione di laboratori permanenti rivolti a bambini e ragazzi di ogni fascia d’età, ma anche di workshop e corsi indirizzati alla formazione degli adulti, con una particolare attenzione per le figure degli insegnanti e degli operatori culturali. Nell’opificio rinnovato rimarranno centrali tutte le espressioni legate alla scena, come la dizione, la recitazione, la scenografia e la drammaturgia, ma un ruolo chiave sarà assegnato alle istanze provenienti dal territorio stesso: non saranno esclusi impieghi che coinvolgano altre forme d’arte, in un dialogo coerente con il linguaggio d’elezione dello spazio.
Forte di un percorso maturato in oltre trent’anni di attività sui palcoscenici nazionali, di un repertorio di riconosciuto valore, dei riscontri costantemente ottenuti nell’organizzazione di rassegne ed eventi, nonché di rapporti proficui con le compagnie di teatro ragazzi di tutta Italia e di partnership con scuole e associazioni, la compagnia Teatro Eidos mira ora a elevare ulteriormente la qualità e la varietà della propria offerta, sempre tesa ad arricchire le prerogative formative delle giovani generazioni. Costituendosi quale punto di riferimento per la provincia sannita, il nuovo centro inviterà anche alla collaborazione realtà culturalmente affini, con l’obiettivo di creare una rete di confronto e di integrazione, indispensabile nel favorire la crescita e la valorizzazione di ogni contesto civile.