Confcommercio, attesa per i saldi: "Sconti attrattivi, speriamo in buon afflusso"

nicola-romano

Partenza lenta per i saldi nelle regioni in cui già si è dato avvio alla corsa allo sconto. Il presidente di Confcommercio Benevento, Nicola Romano, analizza così i primi dati:

“Non c’è stato nessun boom alla partenza dei saldi in Basilicata, Sicilia e Valle D’Aosta. Oltretutto era già ampiamente preventivato, a causa della tanto voluta deregolamentazione degli sconti. Ciò ha generato confusione nei consumatori e nessun beneficio per gli operatori del comparto”.

Romano auspica un miglioramento nei prossimi giorni: “Giovedì 5 gennaio, con l’avvio in tutte le altre Regioni, sicuramente il dato sarà più attendibile. Il nostro auspicio è che quantomeno venga confermata la somma dei 344 euro preventivata a livello nazionale. Nella nostra provincia, tenuto conto dell’ulteriore calo di vendite di novembre e dicembre, rispetto allo stesso periodo degli scorsi anni, si spera in un afflusso in controtendenza. La percentuale di sconto annunciata dagli operatori è sicuramente attrattiva e in molti casi rasenta il prezzo di costo a cui si aggiungono in alcuni casi nuove ed innovative forme di sconto che danno la possibilità di usufruire di vantaggi anche sulle prossime collezioni”.

“Per bloccare la decrescita- conclude Romano- il comparto ha bisogno di essere supportato dagli enti e dalle amministrazioni e bisogna ridare vita ai centri cittadini. Noi non ci stancheremo mai di dire che bisogna riportare in centro gli uffici di servizio per le aziende e per la persona. Ben vengano le iniziative spot, a patto che siano di qualità e ben fatte al fine di attrarre visitatori esterni, al comparto non servono i bagni di folla nostrani, senza essere ripetitivi basta prendere esempio da Salerno. Oggi con i fondi 2014-2020 c’è la possibilità di avviare progetti che possono prevedere interventi di rivitalizzazione atti a durare nel tempo, questa è sicuramente una grande e forse ultima occasione per  un percorso comune con le Amministrazioni”.

Lascia una risposta