Consiglio comunale: ok al bilancio di previsione, per Farese e Picariello percorsi inversi

Approvato in Consiglio comunale lo schema di bilancio di previsione 2024/2026 con 20 voti favorevoli, 8 contrari e un astenuto, ovvero il consigliere Francesco Farese transitato nel Misto. Qui trova Gerardo Giorgione, designato capogruppo, mentre Antonio Picariello compie definitivamente il percorso inverso entrando in Noi Campani e sedendo al fianco del capogruppo Marcello Palladino.

Questa la nuova geografia dell’assise di Palazzo Mosti nella prima seduta dell’anno che suscitava non poco interesse in virtù delle novità che ha portato con sé questo inizio di 2024. Sul fronte mastelliano c’è soddisfazione per l’approvazione nei tempi del bilancio di previsione ma la sensazione è che l’opposizione pare più rinvigorita con l’avvento di Farese: cinque gli emendamenti presentati, tutti respinti, che generano discussione e varie stoccate in aula.

“Sono molto soddisfatta del lavoro fatto ai fini del raggiungimento di questo importante risultato che ci consente di evitare l’esercizio provvisorio” afferma l’assessore al Bilancio e alle Finanze, Maria Carmela Serluca. Con il voto favorevole via libera dunque “a tutte quelle spese limitate per legge e ciò ci consentirà di andare spediti soprattutto sui lavori pubblici: come noto ci sono scadenze relative agli interventi Pnrr e altri finanziamenti”. Un passo importante per l’amministrazione, ritiene Serluca, che pone un ulteriore obiettivo per il prossimo anno: “Concludere il tutto entro il 31 dicembre”.

Un bilancio con luci e ombre per Francesco Farese, protagonista di uno scambio di battute con Capuano e Picariello: “Mi sono astenuto in coerenza con gli atti di programmazione adottati in precedenza. Sicuramente – afferma – l’elemento positivo è l’approvazione del bilancio a gennaio così da renderlo davvero uno strumento di programmazione e previsione. Tuttavia abbiamo rilevato incongruenze negli appostamenti di spesa e nella programmazione di alcuni interventi, motivo per cui abbiamo presentato cinque emendamenti che il segretario ha ritenuto non ricevibili sul piano tecnico, cosa che ci desta qualche perplessità”.

Sostieni la Libera Informazione

Una tua donazione è importante per sostenere il nostro progetto editoriale. Grazie!

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.