“Non c’è alcun caso di coronavirus ad Apollosa bensì voglio fare un plauso ai miei due concittadini che al rientro da Casalpusterlengo hanno comunicato la loro presenza e si sono messi in quarantena volontaria”: così il sindaco di Apollosa, Marino Corda, a margine della conferenza dei sindaci tenuta questa mattina in merito al coronavirus.

Nessun allarmismo né psicosi ma solo tanta preoccupazione, dopo la decisione presa dal sindaco Mastella di annullare il carnevale beneventano, previsto oggi pomeriggio con carri provenienti da Apollosa, a causa della presenza di queste due persone sotto osservazione presso le loro abitazioni. Corda ha voluto chiarire il fatto e tranquillizzare tutta la popolazione sannita: “I ragazzi stanno bene e non presentano alcun sintomo perché sono arrivati qui per ragioni familiari martedì scorso, quando ancora non c’era notizia del virus. Una volta appurato ciò hanno subito avvisato chi di competenza e io l’ho saputo domenica, contattando poi la prefettura e il dipartimento di prevenzione dell’ASL. Le due persone dovranno stare a casa in sorveglianza attiva fino al 4 marzo”.

In merito all’ordinanza del sindaco Mastella, Corda ha specificato: “La motivazione data nel dispositivo è quella dell’ordine pubblico e non per un caso di coronavirus, ci siamo chiariti con Mastella”. La notizia ha comunque destato un certo timore all’interno della comunità di Apollosa ma il sindaco Corda è sereno: “I cittadini hanno compreso che al momento non c’è rischio, i ragazzi non presentano sintomi e godono di buona salute. Sanno che se accusano dei sintomi dovranno avvisare l’ASL”. Un appello poi rivolto a tutta la città e la provincia: “Non bisogna creare allarmismo in base a soggetti che hanno soltanto transitato in quelle zone ma che stanno bene. Loro hanno scelto volontariamente di stare in quarantena e spero che tutti abbiano la stessa sensibilità. Il coronavirus è letale soltanto in alcuni casi e noi dobbiamo evitare il contagio. L’importante è segnalare sempre”.