Sono 204 i sanniti risultati positivi al virus Sars-CoV-2 come rilevato all’interno del monitoraggio effettuato dall’ASL di Benevento: 3 i nuovi casi segnalati nelle ultime 24 ore, una sola guarigione e numero giornaliero dei positivi che torna a superare quello delle negativizzazioni.

Due nuovi casi di coronavirus si contano in quel di San Bartolomeo in Galdo e a renderlo noto è stato direttamente il sindaco Carmine Agostinelli: i contagiati sono stati rilevati durante l’analisi dei tamponi eseguiti all’interno della comunità mercoledì 20 maggio. Su 417 test, informa Agostinelli, 3 sono risultati positivi, di cui 1 non residente nel paese del Fortore: “Ho già sentito tutti e tre e posso assicurarvi che stanno bene. Sono già in isolamento domiciliare unitamente alle loro famiglie. A loro – ha voluto precisare il sindaco – esprimo la mia più calorosa vicinanza insieme, sono certo, al calore ed all’affetto dell’intera comunità. Per qualunque cosa, ci sono e ci sarò. Non siete soli e non lo sarete”. “A tutti i miei concittadini – rivolge poi un appello il primo cittadino – chiedo di essere ancora più attenti di prima. Questa è l’ennesima conferma che il COVID-19 non appartiene al passato. Dovremo imparare a farci i conti ancora per un po’. Vi prego, pertanto, di rispettare tutte le regole vigenti: distanziamento sociale, mascherina, lavaggio delle mani frequente, divieto assoluto di assembramenti, etc. Non costringetemi ad adottare regole più stringenti di quelle attualmente in essere. La fase che viviamo, per la gestione dei contagi, è più delicata di quella passata. Oggi, essendo riprese più attività economiche e sociali, contenere il contagio è certamente più difficile. Ognuno di noi alzi autonomamente l’asticella del buon senso e mantenga sempre le dovute distanze”. Salgono dunque a 5 i casi riscontrati in totale a San Bartolomeo, mentre è di Cusano Mutri il terzo caso rilevato nell’ultimo giorno: nel borgo ai piedi del Matese i contagiati complessivi, stando alla direzione sanitaria, sarebbero 13, compreso un decesso.

Già accennato dell’unico guarito in un giorno, residente a Sant’Agata de’ Goti, nel borgo saticulano resta un solo caso, attualmente domiciliato, e altri 3 sono guariti. In Valle Caudina, però, esulta anche il sindaco di Montesarchio Franco Damiano, per la guarigione dell’ultimo caso rimasto in paese, ovvero un soggetto rientrato dal nord un paio di settimane fa. Il sindaco ora chiede ai concittadini responsabilità e correttezza: “Sono felice per la persona guarita, rivolgo i miei migliori auguri così come a tutti gli altri cittadini, per fortuna pochissimi, che hanno avuto a che fare col virus. Il mio appello va a tutti i cittadini: dobbiamo fare in modo che quello “zero” alla voce casi positivi resti per sempre. Fin qui, lavorando alacremente, con responsabilità e attenzione e col contributo prezioso di forze dell’ordine, medici, volontari della protezione civile abbiamo fatto in modo che il numero di casi nella nostra comunità fosse bassissimo. Quei pochissimi positivi, peraltro, erano ascrivibili a fattori esterni alla nostra comunità”. “Ora tocca a tutti – aggiunge la fascia tricolore – alla responsabilità e al buon senso del singolo mantenere Montesarchio a contagi zero. Comportamenti come quelli che sto notando, – avvisa – con capannelli e gruppi, anche ampi, di persone senza mascherina non saranno tollerati in alcun modo: pensare che in due mesi non sia successo nulla non soli è stupido, ma potenzialmente catastrofico. E dunque mi appello ai cittadini, al loro amore per Montesarchio, per le nostre famiglie, i nostri figli, i nostri anziani: va evitato qualunque atto irresponsabile, vanno osservate scrupolosamente le norme nazionali e regionali,in particolare quelle sul distanziamento, sull’obbligo di indossare la mascherina, sull’accesso a negozi e locali. La serenità e il ritorno alla normalità, ora, sono nelle nostre mani”.

Per il momento l’ASL non ha ancora inserito il Comune di Montesarchio tra quelli a contagio zero, così come a Pago Veiano la donna risultata nuovamente positiva non è stata annotata nel bollettino odierno. Restano 2 i pazienti negativizzati al San Pio provenienti da Castelpoto e Sant’Angelo a Cupolo mentre un terzo, secondo il nosocomio sannita, è totalmente guarito ed è stato dimesso ieri. Sono 33 i casi ancora attivi, 30 dei quali a domicilio in attesa dell’effettiva guarigione e un beneventano ricoverato in altra struttura, oltre ai pazienti nell’area covid del San Pio. Questi rappresentano il 16% dei casi in tutta la provincia (ieri 15%), i negativi sono 155 (il 76%) e i deceduti 16 (8%).

Bollettino ASL del 23/05/20 riferito ai casi segnalati entro le 23.59 del 22/05/20

CLICCA QUI PER IL REPORT DI IERI: