In Campania nell’ultimo giorno sono stati riscontrati 1410 casi di positività al coronavirus, 67 sintomatici e 1343 asintomatici, su 14.704 tamponi analizzati: è il dato diffuso dalla task force regionale. A un aumento di 402 tamponi rispetto al giorno precedente, corrisponde un aumento di 149 casi e una percentuale di positività che sale al 9,58% (ieri 8,86%, l’altroieri 8,17%).

NIDI E ASILI RIAPRONO IN PRESENZA

Il totale dei contagi scoperti dal mese di febbraio sale a 24.443 su 509.918 casi testati e 751.931 test totali esaminati. Penalizzante il dato odierno dei guariti, che sono l’esatta metà di ieri, da 148 a 74 oggi, complessivamente 8254 negativizzazioni registrate. Il dato dei deceduti è fermo a 499, ancora da registrare il decesso del paziente di Torrecuso ricoverato al “San Pio”.

AL “SAN PIO” MORTO PAZIENTE DI TORRECUSO: L’OTTAVO DELLA SECONDA ONDATA

E così la Campania registra l’incremento più alto di positivi: +1336 (ieri 1113 in più) e casi attuali che salgono a quota 15.690. Stando al report della Protezione Civile e ai dati incrociati con l’Unità di Crisi, in isolamento domiciliare ci sono 14.798 asintomatici o paucisintomatici (+1297, nuovo record) e i ricoveri ordinari che salgono a 817 rispetto ai 786 di ieri (+31), su un totale di 840 posti a disposizione e vicini alla saturazione. In rianimazione si passa dai 67 di ieri ai 75 odierni (+8) su 110 posti letto disponibili.