Foto Getty Images

A distanza di nove mesi, più tre di lockdown, il Benevento riassapora il gusto della sconfitta e lo fa contro la seconda in classifica, il Crotone, che rifila un tris a Maggio e compagni, reduci dai festeggiamenti di lunedì. Sfuma, così, il record del Perugia, che chiuse il campionato con una sola sconfitta.

La Strega scende in campo quattro giorni dopo il successo che ha regalato l’aritmetica promozione in Serie A. Diverse le defezioni ma in avanti c’è ampia scelta e SuperPippo opta per il tridente Insigne-Moncini-Improta. Assente Barba in extremis, oltre allo squalificato Caldirola, al centro della difesa ecco Tuia accanto al rientrante Volta. E sono proprio i due centrali a soffrire il mastodontico attaccante del Crotone Nwankwo Simy, che alla prima occasione al 14′ fa centro: Gerbo la mette in area e lui non deve far altro che appoggiarla di testa in rete. Dopo oltre 270 minuti Montipò subisce gol e nel giro di quattro minuti patisce anche il raddoppio e ancora per mano della punta nigeriana: pressing calabrese nella metà campo giallorossa, tre rimpalli persi e palla a Simy, doppiopasso su Volta, morbido con la sua scivolata, e zampata vincente. Benevento con la testa ancora ai festeggiamenti di lunedì notte, allo “Scida” non c’è mentalmente ed era anche pronosticabile: per questo motivo Inzaghi si alza dalla panchina e inizia a caricare i suoi. La reazione però non c’è e il Crotone va vicino anche al tris, in maniera se non altro fortuita, al 21′ Messias crossa e colpisce la parte alta della traversa con una strana traiettoria del pallone. Poche iniziative, Cordaz mai impegnato in questa prima frazione, la Strega si fa vedere soltanto con dei tiri dalla distanza e si va al riposo sul 2-0 per gli squali.

A inizio ripresa la truppa di SuperPippo si fa subito vedere con Moncini, che colpisce di testa ma senza fortuna, palla sopra la traversa. Al 52′ Messias va in profondità sulla fascia e con la sua rapidità salta Tuia in scivolata, accentrandosi per poi calciare da posizione angolata, Montipò si oppone in corner. Al 9′ clamorosa occasione sciupata da Zanellato che raccoglie un pallone vacante in area e solo soletto appoggia sulla parte esterna della rete, fallendo un facile tap in. Dopo questa azione, Inzaghi sfrutta i primi due cambi: Hetemaj per Schiattarella e Sau per Del Pinto, passando così al 4-4-2. Nove minuti dopo è il momento di Kragl e soprattutto del baby Di Serio, in luogo di Insigne e Moncini. Nel frattempo il Benevento ha alzato il baricentro ma i padroni di casa sono ordinati in fase di non possesso, senza rischiare nulla, anzi dall’asse Gerbo-Simy nasce anche il gol del 3-0 dei pitagorici: cross a rientrare e attaccante che spunta alle spalle dei difensori. I sanniti subiscono tre gol nel giro di 70 minuti e l’ultima volta era accaduto soltanto nella trasferta disastrosa di Pescara, l’unica squadra ad aver battuto fino a stasera il Benevento. Inzaghi nel finale concede spazio a un altro baby, all’esordio in Serie B, ovvero il terzino sinistro Rillo che prende il posto di Letizia. Stroppa invece concede minuti anche all’ex di giornata Armenteros, il quale ha contribuito anche lui alla promozione da record del Benevento. Dentro anche Curado, Mustacchio e Gomelt. La gara di fatto si arena qui e per il Benevento è la seconda sconfitta in campionato. Nemmeno la squadra dei record riesce a rompere la maledizione dello “Scida”, che resta ancora stregato.

Crotone (3-5-2): Cordaz; Golemic, Marrone (39′ st Curado), Cuomo; Gerbo (35′ st Mustacchio), Zanellato (25′ Gomelt), Barberis, Benali, Molina; Messias, Simy (35′ st Armenteros). A disp.: Festa, Figliuzzi, Bellodi, Curado, Evan’s, Gigliotti, Crociata, Maxi Lopez, Zak Ruggiero. All.: Giovannino Stroppa

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Maggio, Volta, Tuia, Letizia (39′ Rillo); Tello, Schiattarella (9′ st Hetemaj), Del Pinto (9′ st Sau); Insigne (18′ Kragl), Moncini (18′ Di Serio), Improta. A disp.: Gori, Manfredini, Gyamfi, Pastina, Alfieri, Basit. All.: Filippo Inzaghi

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna
Assistenti: Alessandro Cipressa della sezione di Lecce e Robert Avalos della sezione di Legnano
IV ufficiale: Federico Longo di Paola

Marcatori: 14′ pt Simy, 18′ pt Simy, 26′ st Simy

Note: partita a porte chiuse. Ammoniti: Del Pinto (B), Letizia (B), Simy (C), Schiattarella (B), Volta (B), Kragl (B), Cuomo (C). Angoli: 1-1. Recupero: 2′ pt, 4′ st.