L’ex De Falco: “L’ampia rosa è un vantaggio per Auteri”

Blindare i playoff e assicurarsi una posizione, almeno sulla carta, con maggiori vantaggi è la mansione da eseguire a stretto giro di posta per il Benevento, con l’ex Andrea De Falco che confida molto sulla troupe di Gaetano Auteri. “Con gli acquisti di gennaio ritengo che la rosa sia stata realmente rinforzata e soprattutto nel reparto offensivo con Starita e Lanini sono stati presi due elementi validissimi per la categoria e funzionali al gioco del mister. La mano di quest’ultimo e al di là della prova negativa fatta contro il Cerignola, credo si sia vista sin da subito e conoscendo le sue metodologie di lavoro ritengo che ci siano buone possibilità di vedere un Benevento sempre più compatto e veloce fino a fine stagione”.

Nell’ampia rosa giallorossa ci sono due tue vecchie conoscenze come Marotta e Ciciretti e pensi che possano dare ancora tanto alla causa sannita?
“Credo proprio di sì, con entrambi che sia a livello umano che tecnico rappresentano due elementi importantissimi nella rosa e per la categoria in generale. Nel reparto offensivo la Strega ha davvero tanta abbondanza e questa è un’arma che in ottica playoff potrà risultare determinante”.  

Da ex anche della Juve Stabia ti aspettavi una campionato del genere da parte delle vespe?
“Inizialmente no, ma la Juve Stabia fin dalle prime giornate ha fatto capire a tutti le proprie intenzioni e analizzando nel dettaglio la rosa ha dei valori comunque importanti. A gennaio poi con gli acquisti di Mosti e Adorante si è ulteriormente rinforzata e penso che tutte le componenti necessarie per vincere il campionato si stiano incastrando nel modo giusto”.

Tornando al Benevento ed essendo profondamente legato alla piazza giallorossa hai un messaggio da far recapitare alla tifoseria sannita?
“Comprendo benissimo la loro delusione e anche un certo distacco per la passata stagione, ma bisogna ormai metterci una pietra sopra e il pubblico sannita deve tornare a trascinare la squadra come ha sempre fatto in passato”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.