Dieci anni di Magnifico Visbaal: presentata la nuova stagione teatrale

Dieci anni di Magnifico Visbaal, dieci di anni “di grandi sacrifici e di lotte, di cadute e ricadute, riprese e rialzate”: è così che la creatura di Peppe Fonzo si affaccia alla stagione teatrale 2023/24, quella del decennale, in quel presidio culturale che resiste al tempo e alle intemperie che oggi è la sede di vico Fimbrio nel quartiere Triggio. In una sala piccolina “che ospita tanti cuori e sente il respiro di attori e attrici”, oltre al profumo di storia dei vicoletti medievali, diventata la nuova casa del Visbaal dopo la furia distruttrice dell’alluvione, superata facendo conto sulle sole proprie forze: ed è così che va avanti, autoproducendosi e autosostenendosi. Sforzo importante che per stessa ammissione di Peppe Fonzo non potrà garantire un futuro poi così longevo.

“Il Visbaal è questo: fluido, liquido ma anche molto resistente. Tutto ciò è per noi motivo di orgoglio” ha affermato in occasione della presentazione della nuova stagione teatrale con accanto l’assessore alla Cultura, Antonella Tartaglia Polcini. A lei l’attore e direttore artistico della kermesse ha rivolto l’invito a una maggiore concertazione sulle date dei vari eventi che si alternano in città per evitare accavallamenti. “E’ in programma in questi giorni un tavolo con gli operatori teatrali” ha subito rilanciato il membro dell’esecutivo Mastella, che ha riservato parole di elogio per Peppe Fonzo e “il suo laboratorio. Ho constatato la sua passione, tenacia e forza, caratteristiche di quel teatro che vuol essere presidio di determinati messaggi e valori. Ho toccato con mano la sua presenza in un contesto importante quale il quartiere storico della città”. In un futuro prossimo “non nascondo la volontà di coinvolgere il quartiere attivamente, ma abbiamo bisogno di un sostegno economico oltre che morale” ha puntualizzato Fonzo.

Gli spettacoli in programma

“Assedianze” il titolo della decima edizione, gioco di parole che richiama “all’assedio emotivo dell’attore e del pubblico, alla sedia da cui nasce il teatro, e alle danze”. Dieci gli spettacoli all’interno di un cartellone che si apre alle compagnie del territorio: si parte il 28 ottobre con Peppe Fonzo in “Cant’attore”, prodotto da Magnifico Visbaal; l’11 novembre ecco Angelo Sateriale nella commedia “Una causa persa”; il 25 novembre torna Peppe Fonzo in “Maloviento”, mentre a dicembre e per tutto il periodo natalizio andrà in scena una mini-rassegna per famiglie in collaborazione con la compagnia Red Roger dal titolo “Racconti d’inverno vicino al camino”: tre gli spettacoli in programma, “Orizzonti sostenibili”, Route 66″ e “Grimmland”. Il 12 gennaio 2024 c’è “Gaetano, una favola anarchica”, una produzione di Contestualmente Teatro; il 17 febbraio “Nessuno ha perso mai”, pièce di Peppe Fonzo dedicata a Carmelo Imbriani; il 2 marzo l’evento punta con il drammaturgo Manlio Santanelli che porta a Benevento “Una domanda di desiderio”. Si chiude il 23 marzo con Red Roger in “527 Riccardo, il sovrano”. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 20, ingresso unico 12€, ridotto 10€. Per l’abbonamento si pagheranno sette spettacoli al prezzo di sei.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.