Per l’utilizzo delle acque raccolte nell’Invaso di Campolattaro sul fiume Tammaro, oltre un anno di lavoro sta per concludersi con un importante riconoscimento, frutto di professionalità e di impegno, profusi dalle Istituzioni che hanno voluto e saputo fare sintesi per dar corpo a una reale visione di promozione delle potenzialità del territorio.

La Provincia di Benevento, con il Presidente Di Maria, e la Regione Campania, per il tramite di Acqua Campania spa, hanno infatti istituito, come si ricorderà, un “Tavolo” di lavoro per la definizione e l’elaborazione di uno studio di fattibilità per l’utilizzo della risorsa acqua della Diga di Campolattaro. L’obiettivo è quello di tendere a un impiego quanto più largo e diffuso per il territorio sannita, sia per l’uso irriguo che per quello potabile. Forte è stata la determinazione di difendere le ragioni e gli interessi delle aree sannite, nel costituire un volano di alta qualità, per dare continuità e migliorare le produzioni di eccellenza agroalimentare. È stata recepita, dal Tavolo, l’impostazione decisa e ferma del presidente della Provincia, di assumere quale pre-condizione la capacità di dare risposte a tutte le esigenze idriche del nostro Sannio.

È stato dato già ascolto alle espressioni istituzionali, civiche e imprenditoriali che ricadono nell’ambito del progetto. Un coinvolgimento che li ha resi partecipi della volontà degli obiettivi e dei percorsi che si intendono perseguire per raggiungere i risultati sperati. Una metodologia che proseguirà nella fase di definizione del progetto, allargando il dialogo e il confronto con tutte le rappresentanze del territorio per una proposta ancor più ampiamente conosciuta e condivisa. Un particolare contributo è venuto dal sindaco di Benevento, on. Clemente Mastella, che ha sostenuto con decisione l’impostazione che vede al centro della progettualità le ragioni del capoluogo e dell’intero Sannio. Bisogna dare atto che il Tavolo ha fatta sua l’impostazione, dando, così, corso ai lavori che costituiranno il primo riferimento per la costruzione di un percorso virtuoso e di grande qualità che conferirà un significativo impulso al sistema economico sannita, nel quadro di più vaste dinamiche regionali e del Centro-Sud.

Il decreto regionale che sancirà l’efficacia del lavoro svolto, favorirà, infine, la “lettura” di tutti i dettagli su cui sarà costruito l’iter progettuale, quale strumento per intercettare la congrua dotazione finanziaria degli interventi che si relazioneranno col disegno concettuale. “L’unità di intenti e il lavoro sinergico — ha dichiarato il Presidente Di Maria — danno sempre buoni frutti, soprattutto quando si opera in un’ottica ampia e con l’obiettivo preciso di tutelare e valorizzare il territorio che si ama”.

Comunicato stampa