Ecco “InCanto di Natale”: Comune e Provincia lanciano cartellone unico

Un Natale tutto da vivere lungo corso Garibaldi, all’insegna della collaborazione e dell’inclusione, tra luci, concerti e spettacoli: è quello che promettono Comune, Provincia e il coordinatore unico degli eventi, Renato Giordano, dall’aula consiliare della Rocca per la settima edizione di InCanto di Natale, manifestazione che quest’anno conia lo slogan “Pax Cordis”. “Una scelta condivisa” sottolinea l’assessore alla Cultura, Antonella Tartaglia Polcini, “per riflettere sull’importanza di aprire il cuore a chi si trova in difficoltà”. Un cartellone unitario, rimarca Tartaglia Polcini con il direttore artistico, così come il sindaco Clemente Mastella, il presidente della Provincia Nino Lombardi e di Sannio Europa Giuseppe Sauchella intervenuti in conferenza stampa: si parte sabato 3 dicembre, in contemporanea con l’accensione delle luminarie al corso, anticipando i tempi in soccorso anche dei tanti esercenti dell’area pedonale.

“L’inflazione è diventata esagerata e la gente spende meno ma ci siamo comunque dati da fare per far recuperare qualcosa ai commercianti” ha affermato il primo cittadino di Benevento, che ha espresso dispiacere per l’assenza del mega-albero di Filippo Cannata “ma per quest’anno facciamo di necessità virtù con qualche imprenditore che ci ha dato una mano, altrimenti da solo il Comune non ce l’avrebbe fatta. Poi aspetto sempre qualche lampadina da De Luca…”. Un refrain, questo, che va avanti da qualche settimana: “Non è possibile che a Salerno la Regione dia due milioni e a Benevento niente, ma non faccio guerre com’è nello stile che mi contraddistingue. E’ evidente però che non sia soddisfatto del trattamento della Regione”. Mentre Lombardi ha voluto porre l’attenzione sulla sinergia istituzionale nell’interesse di tutti i Comuni del Sannio e delle eccellenze del territorio.

“E’ un programma veramente ricco e questa collaborazione mi rende felice perché insieme faremo di Benevento una grande città. Invito tutta la provincia a venire qui a partire da sabato: avremo il foyer del Teatro Comunale sempre attivo, gli alberi a piazza Santa Sofia e alla chiesa di San Bartolomeo, dove ci sarà anche un Babbo Natale che darà la possibilità ai bambini di volare sopra la città attraverso un dispositivo digitale. Il mio grazie vai ai nostri partner, al Conservatorio e all’Ofb: c’è una pacificazione del cuore per cui collaboriamo tutti” le parole di Renato Giordano. Auspicio condiviso da Tartaglia Polcini che ha voluto ricordare il nuovo riconoscimento di “città che legge” conferito dal Centro per il Libro e la Lettura “nell’ambito della collaborazione con scuole. Sarà un Natale che punterà su musica, danza, arti dello spettacolo, coinvolgendo prevalentemente i più giovani. Un Natale giocoso ma che crea anche spunti di riflessione come quello della candidatura Unesco dell’Appia e della tutela dei minori. Uno spazio aperto all’accoglienza delle differenze”.

A Sauchella poi il compito di illustrare le diverse iniziative che si terranno all’interno della rete museale della Provincia: da Natale al Museo alle mostre alla Biblioteca provinciale fino ai concerti del liceo musicale Guacci, il 15 dicembre, e l’appuntamento con Natale in Jazz, in collaborazione con il Conservatorio “Nicola Sala” e per la direzione del Maestro Debora Capitanio. Immancabile poi il tour del trenino storico, per l’occasione addobbato e ricco di luci, musiche e voce narrante, nonché l’appuntamento con la Rocca incantata della Proloco Samnium. “La collaborazione istituzionale ci ha permesso di organizzare un evento insieme e senza sovrapposizioni con le risorse a disposizione ma sempre con cura e attenzione” ha dichiarato l’amministratore della società in house della Provincia.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.