Erasmus Plus, la difesa dei diritti umani e la testimonianza di Vivian

Erasmus; intervento rifugiata

Prima giornata del progetto Erasmus Plus: “Equality and Human Rights” all’insegna delle testimonianze e dell’accoglienza. Stamane, infatti, i partner europei giunti in città, sono stati accolti dal saluto della dirigente dell’I.T.I. Lucarelli, Maria Gabriella Fedele, e da tutto lo staff dell’Istituto. Dopo la presentazioni ufficiali sono partite le diverse attività di gruppo tra gli studenti dell’I.T.I e i compagni europei: dal book talks su “Germinal” e “Malcom X”, al Poster Contest dedicato al rispetto dei diritti umani e alla lotta alla violenza sulle donne, passando per il Workshop dedicato all’immigrazione e alla legislazione europea in materia.

In relazione a tale argomento è intervenuta Vivian, una rifugiata nigeriana, ospite dello SPRAR (centro di seconda accoglienza) di Chianche. Vivian ha raccontato agli studenti la sua esperienza di violenza domestica, la paura, la fuga e l’accoglienza in Italia. Un percorso difficile che continua ad affrontare con coraggio e che, con forza, ha voluto condividere con i giovani partecipanti al progetto. Un’occasione per i ragazzi e non solo, di apprendimento, di formazione, di apertura e di comprensione dell’ “altro”.

Erasmus plus; saluto dirigente

Dalle attività “scolastiche” si è poi passati alla visita delle bellezze della città di Benevento: dall’Arco di Traiano all’Hortus Conclusus, fino alla Chiesa di Sant’Sofia e alla Rocca dei Rettori.

Per la giornata di domani, martedì 7 febbraio, sono previste altre attività di gruppo per approfondire il tema della difesa dei diritti umani e delle donne. Ciò, attraverso case study, lo studio e l’approfondimento del concetto di intolleranza e degli stereotipi attraverso giochi di ruolo, discussioni e brainstorming collettivi.

Erasmus, scuola Turchia

 

Lascia una risposta