“Essere proprio noi stessi”, il teatro secondo Vacis

vacis 2Oggi, primo giorno di Masterclass presso la Solot di Benevento, la prima sessione di TeatroStudio curata da Gabriele Vacis, un nome importante nello scenario culturale nazionale e non. Regista, drammaturgo, autore televisivo e cinematografico italiano, Vacis propone il suo teatro a Benevento, “Pratiche teatrali per la cura della persona”.

Analizziamo la scena culturale rapportata al teatro: come descriverebbe la situazione italiana in questo momento?

“Credo ci sia molta confusione, credo che il teatro sia perfettamente omogeneo alla sospensione della realtà che la società italiana vive. Si parla di post verità. In teatro di post verità e queste storie si parla, credo, dal quinto secolo avanti Cristo, quindi penso che il teatro potrebbe essere molto utile, molto importante ma, in qualche modo si è autoemarginato in una situazione di minorità che non riesce a capire che ormai c’è più gente che fa teatro, di quanta vada a teatro. E questa è una buona notizia. Un seminario vale molto più di uno spettacolo”.

Oggi Masterclass “Pratiche teatrali per la cura della persona” qui alla Solot, un titolo di per sé emblematico, un teatro che si rapporta alla parte psicologica, a ciò che è realmente l’individuo. Quale lo scopo di tale Masterclass?

“Più che psicologica, psicofisica, cioè stiamo tentando  la fondazione di un istituto che adoperi la cultura teatrale del Novecento, perché i grandi maestri del Novecento si sono occupati del parateatro, si sono occupati di tutto quello che è estraibile dal teatro, per entrare direttamente ed olisticamente nella cura della persona, nel benessere della persona. Ci occupiamo di questo. Sono pratiche fisiche, che non hanno più niente a che vedere con lo psicodramma, con l’impiego mimetico del teatro, cioè io divento un altro. Qui stiamo cercando di essere presenti a noi stessi, quindi di essere proprio noi stessi”.

Cinema e teatro, una collaborazione importante.

“Io sto facendo da qualche anno documentari che sono docufilm, che hanno molto a che fare con il teatro, nel senso che partono da un rapporto di verità con le persone che poi diventano protagonisti dei film. Non sono attori, sono persone qualunque che, grazie a una serie di espedienti che vengono dal teatro e dalla mia esperienza teatrale, tirano fuori delle realtà e tirano fuori le proprie storie. Io credo che oggi sia possibile capire quello che succede, più dalle storie che non dai sondaggi o dai numeri”.

Teatro per la cura della persona, docufilm: si vuol riportare l’individuo in sé,  il vero in scena.

“Beh si, ma questo è un desiderio del teatro da sempre. In sei personaggi in cerca d’autore si finisce con verità”.

Il progetto ideato, organizzato e diretto da Gabriele Vacis e Roberto Tarasco, con Barbara Bonriposi e Matteo Volpengo, curato da Daniele Muratore per ATS Motus/Solot, riguarda la formazione di formatori, in particolare formatori che lavorano ed utilizzano le tecniche teatrali in altri campi (sociale, scuola, medico).

Questo il programma delle proiezioni : lunedì 30 gennaio, alle ore 17, proiezione del documentario “Uno Scampolo di Paradiso”, presso il Centro Studi Ugo Gregoretti di via Municipio, a Pontelandolfo (BN). A seguire incontro dibattito con Gabriele Vacis e proiezione di un’opera di Ugo Gregoretti. L’evento è organizzato in collaborazione con Centro Studi Ugo Gregoretti, Comune di Pontelandolfo e Associazione Pro loco di Pontelandolfo.

Martedì 31 gennaio, alle ore 16,  proiezione della clip “La Bellezza salvata dai ragazzini” presso l’ Istituto Carafa Giustiniani di Piazza L. Sodo, a Cerreto Sannita (BN). A seguire incontro dibattito con Gabriele Vacis e gli studenti. L’evento è organizzato in collaborazione con Istituto Carafa Giustiniani.

Mercoledì 1 febbraio, alle ore 17, proiezione docufilm “La Paura Si-Cura”, presso la Sala Conferenze Sede DEMM  dell’ Università degli Studi del Sannio, piazza Arechi II, Benevento. A  seguire incontro dibattito con Gabriele Vacis e gli studenti dell’Università degli Studi del Sannio. L’evento è organizzato in collaborazione con Kinetès srl spin off unisannio e DEMM (Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi).Le proiezioni saranno gratuite e aperte a tutti. Info e prenotazioni: 0824/47037 info@solot.it www.solot.

 

 

Lascia una risposta