Europee: Mastella spoilera sui social la candidatura di Sandra Lonardo

Sandra Lonardo candidata alle Europee nella lista Stati Uniti d’Europa? Ci sarebbe anche la conferma, che arriva involontariamente proprio dal coniuge Clemente Mastella. Galeotto un commento, se vogliamo maldestro, del sindaco e leader di Noi di Centro sotto al suo post di auguri in occasione della Pasqua. “Ciao Maria sentiamoci. Grazie per gli auguri e per dirti che Sandra è candidata alle Europee. Un abbraccio” la risposta a un messaggio di auguri di una utente. Uno spoiler che non è passato inosservato così come un altro commento nel quale sempre Mastella chiede a un altro utente di dare avvio alla campagna elettorale a sostegno della moglie.

Non c’è alcun riferimento nei suoi commenti riguardo alla lista di appartenenza, che dovrebbe essere appunto quella frutto dell’accordo tra +Europa, Italia viva, Volt, Psi e Libdem. Sandra Lonardo sarebbe candidata in quota Iv, come ha lasciato intendere lo stesso Matteo Renzi nell’intervista rilasciata due giorni fa al Corriere della Sera: “Ho proposto a sua moglie Sandra che si candidasse perché, essendo stato suo collega in Senato, ne apprezzo lo stile e ricordo come sia stata vittima di una vergognosa pagina di malagiustizia. Per quello che mi è successo in questi anni mi piace l’idea di candidare persone che abbiano subito aggressioni giudiziarie e ne siano uscite a testa alta: Sandra è tra questi”.

Non è dello stesso avviso Federico Pizzarotti, presidente di +Europa: “Renzi in un’intervista accoglie con calore la moglie di Mastella. Alla fine è diventata la lista di Renzi, che passa all’incasso con persone di varie provenienze, ma non penso sia la miglior rappresentazione di quello che +Europa coraggiosamente rivendica dal 2019” ha dichiarato nel corso di Omnibus su La7.

L’ex sindaco di Parma si dissocia dalla linea adottata dal segretario Riccardo Magi: “Io ricordo che all’inizio in +Europa c’era una maggioranza concorde sul fatto che dovessimo partire da un tavolo con Azione. Il punto è che immagine vogliamo dare: il posizionamento di Renzi penso sia chiaro e con Magi già qualche mese fa si diceva di non abbinarci al Centro, di non essere immaginati come moderati. Oggi invece abbiamo la Dc di Cuffaro e Mastella: già solo questa rappresentazione non può essere una lista di scopo. Il pullman lo guida +Europa e io voglio scegliere chi ci sale. Lavorerò all’accordo con Calenda fino all’ultimo giorno” ha chiosato.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.