Nelle scorse settimane l’associazione Altrabenevento aveva annunciato una nuova gara d’appalto per la nota ex conigliera, destinata ai migranti e indetta dal Comune di Benevento. Il presidente Corona, tramite una nota, fa sapere che il servizio non verrà più affidato.

“L’associazione UNITY AND FRIENDSHIP di Castelvolturno, provincia di Caserta, ad aprile scorso si è aggiudica la nuova gara del Comune di Benevento per il progetto SPRAR, destinato a 24 migranti da ospitare in una struttura appena fuori dal centro abitato.
Contemporaneamente la stessa associazione ha presentato la proposta alla Prefettura di Benevento per l’utilizzo della ex conigliera di San Chirico come Centro di Accoglienza per Migranti. La notizia ha suscitato altre proteste del comitato degli abitanti della contrada che il 22 giugno ha presentato un nuovo esposto al Prefetto e alla Procura della Repubblica” riferisce Corona.

“Si apprende adesso che il Comune di Benevento ieri l’altro, 9 luglio, ha deciso con una determina del dirigente Verdicchio, di non affidare alla UNITY AND FRIENDSHIP il servizio SPRAR perché a seguito di sopralluogo tecnico la sede proposta a Ponte Tavole non è risultata idonea”.

In conclusione: “Ovviamente l’associazione casertana spera almeno di poter utilizzare la ex conigliera di San Chirico per accogliere i migranti ma la gara della Prefettura è ferma”.