Con un’ordinanza che annulla la precedente, il sindaco Mastella ha disposto che “l’organizzazione e lo svolgimento di manifestazioni e riunioni in luogo pubblico
volte a festeggiare la promozione della locale squadra di calcio nella massima serie,
rimangono assoggettate alle direttive, alle linee guida e alle procedure dettate dal
Ministero dell’Interno”.

Dunque è fatto divieto a tifosi e simpatizzanti “di radunarsi e accalcarsi, durante e dopo la
gara Benevento-Juve Stabia, nel piazzale antistante lo stadio Ciro Vigorito, conformemente a questo stabilito nell’odierno CPOSP; gli assembramenti e gli affollamenti in luogo pubblico, anche se non preventivamente organizzati ma originati dal convergente spontaneo intento di
festeggiare la promozione della squadra di calcio, sono comunque assoggettati alle
vigenti misure di distanziamento; nella descritta circostanza, in ottemperanza a quanto prescritto dal PGRC con propria ordinanza n. 56/2020, è fatto obbligo di portare con sé la mascherina e di indossarla ove la distanza interpersonale di almeno un metro non sia assicurata; indipendentemente dalla osservanza di detta distanza è comunque raccomandato
l’uso degli anzidetti dispositivi di protezione individuali; è comunque fatto obbligo a chiunque di osservare le vigenti disposizioni in materia di safety, security e prevenzione/contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID- 19″.

All’interno del dispositivo è stato ordinato al Comandante della Polizia municipale di gestire il servizio di sicurezza e dunque di concorrere con proprio personale alla scorta dei mini bus recanti a bordo i calciatori, durante tutto il percorso secondo le disposizioni dettate dall’Autorità Provinciale di P.S. Questi inoltre, dovranno “impedire e contenere, secondo le disposizioni dell’Autorità di P.S., l’afflusso e il raduno di tifosi e simpatizzanti nel piazzale antistante lo
Stadio; visionare preventivamente l’itinerario dei mini bus e di proporre al Funzionario
della P.S. delle varianti al percorso ove lungo lo stesso si riscontrino una calca e una
ressa incompatibili con l’osservanza delle vigenti misure di distanziamento”.

Rispetto alla precedente ordinanza permangono i divieti di accensione dei fuochi di artificio e altri artifizi pirotecnici di qualsiasi specie, e di imbrattare le strade, i marciapiedi e gli altri immobili di proprietà pubblica e privata con vernici o con qualsiasi altra modalità. Con il dispositivo attuale è stata concessa infine la deroga per consentire il transito ai
mini bus lungo il C.so Garibaldi secondo il percorso già stabilito.