Festival filosofico: Lidia Palumbo legge Giovanni Casertano

Martedì 16 Aprile 2024, alle ore 15.00 si terrà presso il Teatro Comunale Vittorio Emmanuele il decimo appuntamento del 10° Festival Filosofico del Sannio, organizzato dall’Associazione culturale filosofica “Stregati da Sophia”. La relazione è affidata a Lidia Palumbo che leggerà il testo inedito della Lectio Magistralis di Giovanni Casertano: “Di come la parola diventò linguaggio. E di quel che ne seguì”.

“In principio era il Logos e il Logos era presso Dio e il Logos era Dio”. Così il Vangelo di Giovanni. Ma che cos’era – si domanda Giovanni Casertano – questo logos originario prima di diventare Dio? Che cos’era nella cultura greca nella quale questo passo di Giovanni affonda le sue radici e dalla quale contemporaneamente si distacca? Comprendere e tradurre in una lingua moderna la parola logos è una delle operazioni più complesse che si possano immaginare. Il termine conosce in greco più di cinquanta significati, e la sua comprensione dipende da tutta una serie di mediazioni linguistiche e culturali, che devono essere volta a volta identificate.

Logos indica il linguaggio e allo stesso tempo la parola che ne è l’elemento costitutivo. Dopo alcuni riferimenti ai filosofi cosiddetti Presocratici, Casertano tratta di Platone, che nel Cratilo affronta la questione delle origini del linguaggio, della dimensione naturale e convenzionale delle parole, della loro verità e falsità, del loro essere immagini del mondo e delle sue parti.

Comunicato stampa

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.