Sulle orme di “Mare Fuori” e “L’amica geniale”: si lavora per portare un set a Benevento

Una miniserie tv divulgativa destinata ai giovani con Benevento che farà da set: è il progetto al quale lavora la commissione Cultura presieduta dalla consigliera Mara Franzese che questa mattina ha incontrato Maurizio Gemma, direttore generale della Film Commission della Regione Campania, a Palazzo Paolo V. Summit propedeutico alla creazione di un percorso che punti a far diventare la città e i paesi del Sannio sempre più attrattivi nel comparto della produzione audiovisiva, nel solco tracciato dalle serie di successo quali “L’amica geniale” e “Mare fuori”, ambientate a Napoli, e radicatosi anche a Salerno con la serie “Vincenzo Malinconico. Avvocato”.

Un percorso che necessita di vari step, il primo passo questa mattina con la visita di Gemma proprio in conclusione del festival Bct “che in breve tempo è diventato non solo uno degli appuntamenti più importanti della regione ma dell’intero Paese” afferma. “Un’occasione che ho colto al volo” dice a sua volta Franzese, “per coinvolgere operatori del settore cinematografico circa la delocalizzazione delle produzioni in città. Partiamo da chi già si adopera in questo settore, un primo passo per conoscerci meglio e accogliere consigli per il futuro”. Un piano al quale i membri della commissione Cultura lavoravano già da tempo e che inizia ora a prendere sempre più corpo, con l’obiettivo di raccoglierne i frutti da qui a un paio d’anni. Qualcosa nell’aria già c’è: “Stiamo discutendo con una società di produzioni italiana molto importante circa la possibilità di portare in città una miniserie tv con contenuti sociali molto importanti” spiega Gemma.

“Nel Sannio – aggiunge – abbiamo già lavorato in passato, ad esempio a Sant’Agata de’ Goti. Dal 2016 la Campania si è dotata di una legge regionale che ci ha consentito di fare grandi passi in avanti, mettendo in campo una particolare capacità riguardo l’accoglienza e l’attrazione di produzioni sul nostro territorio. Sono certo sarà possibile farlo anche a Benevento, aprendoci al dialogo con il territorio e facendo crescere il comparto di professionisti presenti”. Elogia lo spirito di collaborazione tra istituzioni e consiglieri, l’assessora alla Cultura Antonella Tartaglia Polcini: “La dimensione del protagonismo giovanile è un dovere istituzionale dell’amministrazione e di un territorio ricco di storia che deve guardare al presente e al futuro valorizzando il più possibile non soltanto le realtà territoriali di carattere storico, archeologico e antropologico ma soprattutto i talenti. C’è convergenza verso l’obiettivo comune di favorire la valorizzazione dell’imprenditorialità e dell’investimento audiovisivo. Di questo rendiamo grazie anche al Bct che sta crescendo sempre di più”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.