Fratelli d’Italia, Paolucci: “Siamo l’unico partito che non fa sconti alla difesa...

Fratelli d’Italia, Paolucci: “Siamo l’unico partito che non fa sconti alla difesa del Made in Italy”

L'appello al voto del Portavoce Provinciale di Fratelli d'Italia in vista delle elezioni europee

SHARE

“La determinazione con la quale Giorgia Meloni con Fratelli d’Italia ha portato avanti con coerenza la propria linea politica sta ottenendo molta attenzione da parte dei cittadini, con crescita sempre maggiore di consenso elettorale. Il risultato delle urne darà certamente una sorpresa positiva. Molti cittadini, anche non di destra, sono rimasti delusi e stanchi di ascoltare promesse elettorali irrealizzabili o non mantenute, accordi tra partiti presi in spregio al patto stretto con gli elettori”: ad affermarlo è il Portavoce Provinciale di Fratelli d’Italia, Federico Paolucci, nel suo personale appello al voto in vista delle elezioni europee di domenica 26 maggio.

“Siamo l’unico partito che ha sempre voluto tenacemente mantenere una stabile e coerente posizione all’interno del centrodestra, senza guardare a partiti che non siano compatibili con i principi e i valori di Fratelli d’Italia, come ha fatto Forza Italia prima (con il Patto del Nazareno, il tentativo di accordo con il PD di Renzi) e la Lega poi, con il contratto di Governo con i 5stelle. Tutto ciò in spregio di un’alleanza che avevano proposto alle scorse politiche e che è risultata vincente in tutte le elezioni regionali celebratesi nell’ultimo anno e che porterà il 26 maggio anche alla conquista della Regione Piemonte.
Un ritorno alla politica, quella sana, leale con gli elettori, che noi rappresentiamo e che ha convinto tanti cittadini che non si può essere alla mercè di politici improvvisati o incoerenti.
Questo modo di stare in politica è stato accompagnato anche da idee e proposte che trovano ampia condivisione negli elettori. Siamo l’unico partito che non fa sconti alla difesa del Made in Italy ed alla difesa della cultura e dell’identità italiana. Siamo l’unico partito che vuole concretamente tutelare il Sud, nell’ambito dell’unità nazionale, senza cedere a spinte autonomistiche delle regioni dei ricchi e senza illudere i cittadini con un reddito assistenzialistici che non portano lavoro ma solo dipendenza dei cittadini dalla politica” si legge nella nota diffusa alla stampa.
“Il voto a Fratelli d’Italia è l’unico che serve contemporaneamente a cambiare l’Europa, l’Italia ed il Sud. Per chiudere con l’accordo europeo tra popolari e socialisti, che ha portato solo burocrazia ed ha difeso solo gli interessi di banchieri ed alta finanza. Per dare un segnale di una possibile alternativa al governo giallo-verde, che pochi risultati ha dato e litiga su tutto. Per dare lavoro ed infrastrutture al Sud, per frenare la desertificazione dei nostri territori, vera emergenza nazionale.
Abbiamo svolto e vissuto una entusiasmante campagna elettorale che ha visto anche in provincia di Benevento, tanti cittadini ed amministratori avvicinarsi a Fratelli d’Italia. Persone libere che si avvicinano per convinzione e non cartelli elettorali che cercano di saltare sul carro del vincitore, come sta accadendo in altre forze politiche, che iniziano ad essere già messe in crisi da gruppi e correnti che non promettono nulla di buono, in prospettiva”.
Infine: “Un ringraziamento particolare va a tutti i candidati che non hanno voluto far mancare la loro presenza sul territorio (sebbene sia elettoralmente piccolo rispetto ad un collegio elettorale così vasto è popoloso): In poco più di un mese sono venuti, anche più volte, i candidati campani Carmela Rescigno, Maria Letizia, Salvatore Ronghi, Ugo Tozzi, nonché Marcello Gemmato, Caio Giulio Cesare Mussolini, Denis Nesci e Raffaele Fitto.
Un ringraziamento, per la loro presenza, anche a Edmondo Cirielli, Francesco Lollobrigida, Ylenja Lucaselli, Giovanni Donzelli, parlamentari non candidati ed al Coordinatore Regionale Gimmi Cangiano, che ci hanno supportato in questa campagna elettorale.
Con Fratelli d’Italia per avere più sud in Italia e più Italia in Europa”.