gesesa

Attraverso una nota stampa, appena giunta in redazione, il Codacons di Benevento nella persona dell’ avvocato Maurizio Zeoli, comunica di aver inoltrato alla GESESA e al Comune di Foglianise una lettera di diffida.

Di seguito la nota completa del Codacons in cui vengono illustrati i motivi di tale azione:

“Il Codacons di Benevento ha inoltrato oggi alla GESESA ed al Comune di Foglianise un invito e una diffida, sottoscritto da 117 utenti del servizio idrico ivi residenti, le cui firme sono state raccolte in pochissimi giorni, per contestare il proditorio atteggiamento del gestore consistente nel costringere al pagamento di presunti crediti, oggetto di specifici reclami degli utenti del servizio idrico mai riscontrati, attraverso la minaccia ed in alcuni casi l’attuazione del distacco della fornitura idrica.

Nessuno contesta che anche un servizio pubblico essenziale come quello idrico, oggetto peraltro di recente referendum dal risultato completamente disatteso, possa condurre, in caso di inadempimento e con il rispetto del preavviso, al distacco della fornitura. Ma questo non può accadere se gli utenti, come nel caso di specie, affermano e documentano di aver adempiuto ai propri obblighi sulla base di una tariffa approvata con apposita convenzione tra Comune e precedente gestore e non ricevono, all’esito di appositi reclami, nessuna risposta ma solo il prepotente intervento di ruspe. Gli utenti lamentano l’assoluto e totale silenzio, nella vicenda, degli Enti preposti alla loro tutela, in particolare con riferimento al Comune di Foglianise che dovrebbe far valere le convenzioni vigenti.
Alcuni cittadini lamentano, altresì, come gli addetti alla locale stazione dei Carabinieri si rifiutino di ricevere denunzie circostanziate volte a contestare i comportamenti della Ge.se.sa mentre, invece, abbiano assistito senza remore ad accessi in proprietà privata da parte dei dipendenti della società non autorizzati dalla Magistratura.
Gli utenti in verità chiedono, attraverso il Codacons, quantomeno un incontro affinchè le rispettive posizioni possano trovare un chiarimento esauriente”.