“Insieme Per Benevento”, siglato il Patto di Comunità a Palazzo Mosti

Siglato in mattinata a Palazzo Mosti il Patto di Comunità educativa ideato dall’associazione “Io X Benevento” e condiviso da numerosi Enti (Comune di Benevento, Provincia di Benevento, Asl Benevento 1, Arpac Dipartimento di Benevento, Università del Sannio, Università “Giustino Fortunato”, Convitto Nazionale “Pietro Giannone”, Istituto Comprensivo Statale G.B. Bosco Lucarelli, Ipsar “Le Streghe”, “Spazio @perto” APS, Cooperativa Sociale “Anima Crea”, Cooperativa Sociale Social lab 76, C.F.P. Cultura Formazione e Progresso S.C.A.R.L., Fututidea, Scuola “La Tecnica”, Orchestra Filarmonica di Benevento e “Un Senso per la Vita ODV”). Un progetto mirato a contrastare la dispersione scolastica e che interesserà quattro zone della città: Rione Libertà, Santa Maria degli Angeli, Pietà e Triggio.“Quella che presentiamo oggi è un’iniziativa che cerca di mettere al centro del dibattito pubblico il tema della responsabilità collettiva”. A precisarlo in avvio di conferenza il presidente Giuseppe Schipani, con il numero uno dall’associazione da lui guidata che ha poi aggiunto: “Purtroppo la Campania indossa una maglietta nera per quanto concerne la dispersione scolastica e la povertà educativa. Per questo motivo, quindi, abbiamo attivato come associazione, partendo dal Rione Libertà, la promozione di una rete per far fronte ai bisogni emersi dopo il Covid. Essi, infatti, sono cambiati e bisognava riorganizzarsi e dare delle risposte adeguate in relazione alle domande che ci arrivano dal territorio. Abbiamo progettato questo patto per far fronte alle esigenze dei vari ceti sociali e in particolar modo ci rivolgiamo ai bambini dagli otto ai quattordici anni attraverso un programma mirato e per i ragazzi più grandi con altri strumenti. Ringrazio tutti gli Enti che hanno aderito e la sensibilità mostrata è stata davvero notevole. Ci metteremo intorno a un tavolo per analizzare le varie problematiche ed elaboreremo delle soluzioni. Per la fascia d’età otto/quattordici intensificheremo l’attività di tutoraggio per quei bambini che provengono da contesti fragili e lo faremo attraverso attività culturali che in qualche modo dovranno toglierli dalla strada formandoli in un percorso di crescita non solo individuale, ma anche collettivo“.

Un concetto fortemente condiviso anche dall’assessore ai Servizi Sociali, Carmen Coppola: “Ringrazio Giuseppe Schipani per questa iniziativa e quello che sigliamo oggi è un patto che dovrà garantire ai bambini quella crescita formativa necessaria per poi inserirsi nel sociale. Il nostro, come Comune, è un approccio collaborativo e come comunità educante ci teniamo ad essere sempre più solidali. Tanti progetti finalizzati al sostegno alle famiglie sono stati inseriti anche nel Pnrr e supportare le famiglie che vivono situazioni di forte emarginazione è un nostro dovere”.

Tra i vari Enti che hanno aderito al Patto di Comunità ci sono anche le due Università cittadine e un grande apprezzamento all’iniziativa l’ha manifestato anche Paolo Palumbo, docente della Giustino Fortunato. “Anche noi abbiamo aderito con convinzione a questo progetto e metteremo a disposizione la professionalità dei nostri docenti”.

Un fattivo contributo al progetto giungerà anche dall’Asl di Benevento e presente alla conferenza di stamattina il direttore generale, Gennaro Volpe: “Ringrazio Giuseppe Schipani e con lui abbiamo affrontato tante problematiche inerenti al Covid nelle settimane più difficili della pandemia. Dal Pnrr arriveranno fondi che andranno gestiti nel migliore dei modi soprattutto nella sanità e il Patto di Comunità di oggi va a fortificare ulteriormente la collaborazione tra vari Enti che da tempo esiste in città e anche attraverso questo patto ci teniamo a sensibilizzare quanto è più possibile i cittadini alla prevenzione nella sanità”.

Al sindaco Clemente Mastella affidate, invece, le conclusioni dell’incontro. “Ringrazio tutti voi per questa iniziativa che si oppone ai tanti fallimenti educativi che purtroppo ci sono stati. Come ha detto la mia assessora, da parte nostra, nonostante le poche risorse a disposizione, collaboreremo a riguardo e fondamentale sarà anche la partecipazione delle due università e di tutti gli altri Enti che hanno aderito a questo patto”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.