Io X Benevento: “Don Leonardo ha aperto le porte di San Modesto”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell’associazione Io X Benevento che, unitamente ad altre associazioni locali e organizzazioni di volontariato, elogia l’operato di don Leonardo Lepore, parroco di San Modesto al Rione Libertà. “Dopo quanto accaduto a don Nicola de Blasio, tra dubbi e certezze, la comunità di S. Modesto ha vissuto un periodo lungo di smarrimento, disorientamento e profonda spaccatura, tra chi accusava e chi difendeva si è dato spazio allo squallido esercizio del giudicare. La frattura era evidente sia tra la gente e sia spiritualmente, la credibilità della Chiesa è stata messa in seria discussione e tutto ciò ha contribuito ad acuire ancor di più le contingenze sociali che di questi tempi sono davvero penalizzanti.

Poi, grazie a Dio e al Vescovo S.E. Felice Accrocca, con la nomina di don Leonardo Lepore alla Parrocchia S. Modesto, abbiamo avuto modo di iniziare un nuovo percorso di fede. All’inizio, come è facile immaginare, eravamo tutti perplessi e diffidenti, oggi, finalmente, siamo felici di poter comunicare che Dio ha operato e sta operando!

Don Leonardo sta portando avanti una straordinaria opera di evangelizzazione, ha saputo riconoscere i bisogni della gente e quotidianamente è sempre più vicino e presente per aiutare tutti. In silenzio, con la sua discrezione e umiltà, con garbo accogliente ha aperto le porte della Chiesa per ascoltare tutti, partendo dagli ultimi, uno per uno, penetrando nel tessuto sociale con un messaggio di amore e di sostegno, praticando la parola di Dio.

Nostro Signore si sta servendo di lui e sta diffondendo una grande benedizione, don Leonardo ha trovato disgregazione ed ha coltivato e realizzato aggregazione, ha trovato lacerazione ed ha saputo unire divergenze superando criticità di vario genere e realizzando coesione e solidarietà. Ha trasformato la diffidenza in fede attraverso un profondo messaggio di cristianesimo, ha saputo tradurre la missione della Chiesa di annunciare il Vangelo, attraverso nuove modalità di espressione, in una società dove sono sempre più allentati i legami concreti di prossimità e dove vivere il senso di appartenenza ad una comunità si era disperso.

Era necessario ripensare i modi, ma anche i luoghi dell’accoglienza e dell’annuncio, per raggiungere e invitare quanti non conoscono la bellezza del messaggio cristiano, don Leonardo, con la benedizione di Dio, ha saputo realizzare tutto ciò! Insieme alle associazioni del quartiere, sono stati avviati diversi progetti, ha ripristinato servizi pastorali e promosso attività educative con i piccoli provenienti da contesti familiari problematici, il Laboratorio Pedagogico “Don Lorenzo Milani” è una testimonianza concreta. La sua opera pastorale merita rispetto, riconoscimento e gratitudine.

Siamo particolarmente grati, abbiamo fatto giungere una nota anche al Santo Padre e al Vescovo S.E. Felice Accrocca, perché la nostra gioia possa arrivare anche a loro, don Leonardo non ama queste manifestazioni pubbliche ma era doveroso”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.