Per la prima volta le associazioni ed i volontari delle Province di Avellino e Benevento si ritroveranno assieme per confrontarsi con gli amministratori e le istituzioni locali sui temi della Riforma del Terzo Settore.

Quale sarà il ruolo che le associazioni sapranno ritagliarsi? Quali le sfide? E quali prospettive? Queste le domande alle quali dare risposta nel corso dell’incontro dal titolo “Irpinia e Sannio, Terre di Volontari” in programma sabato 22 febbraio alle ore 10.00 presso l’Hotel Aeclanum di Mirabella Eclano ed organizzato in occasione della prima Assemblea ordinaria dei Soci del nuovo CSV Irpinia Sannio. Oltre 300 le associazioni invitate a partecipare all’incontro che sarà aperto dalla relazione del presidente del CSV Irpinia Sannio Raffaele Amore e che vedrà la presenza di sindaci, consiglieri regionali e istituzioni territoriali.

Quella di sabato sarà inoltre l’occasione per presentare la struttura del nuovo Centro Servizi per il Volontariato nato dal processo di fusione per accorpamento del CSV di Benevento (CESVOB) al CSV Irpinia Solidale di Avellino. Un progetto di fusione resosi necessario a seguito di quanto stabilito dalla Riforma del Terzo Settore portata a compimento con il Decreto Legislativo 117/2017 Codice del Terzo Settore e la conseguente costituzione dell’Organismo Nazionale di Controllo sui Centri di Servizio per il Volontariato (Fondazione ONC) che aveva definito il nuovo numero ed i nuovi ambiti territoriali dei Centri di Servizi per il Volontariato. In Campania, su base demografica, i CSV sono così passati da 5 a 4 CSV proprio a seguito dell’accorpamento di Avellino e Benevento.

Il nuovo Centro Servizi per il Volontariato potrà adesso contare su 317 associazioni socie che sabato si ritroveranno a Mirabella Eclano per celebrare la prima Assemblea Ordinaria e confrontarsi sulle nuove sfide che il mondo del volontariato di Irpinia e Sannio è chiamato ad affrontare.

Comunicato stampa