L’accusa di Fausto Pepe: “Il Comune ha approvato bilanci fittizi”

“Ho immaginato, sbagliando, che dopo la pubblicazione, da parte di Altrabenevento, della Relazione degli ispettori ministeriali, relativa alla gestione economica e finanziaria del Comune di Benevento nell’epoca Mastella, si aprisse un doveroso e significativo dibattito. Ricordo ai più che ho sempre sostenuto che il dissesto del 2017 fosse “fittizio” e “politico”, c’erano altri mezzi per far fronte ai debiti pregressi, come peraltro fatto noi per anni. Il Sindaco Mastella però aveva la necessità di denigrare la passata amministrazione, e i passati amministratori, alcuni dei quali, ironia della sorte, e della politica, oggi governano però con lui. La cosa importante invece, che va ricordata, è il fatto che l’ex Presidente della OSL, dimissionario, ha coraggiosamente e doverosamente segnalato, con relazione scritta, molte delle anomalie relative alla gestione Mastella, di questo “famigerato”, nonché politico, dissesto”: a dirlo attraverso una nota è Fausto Pepe, ex sindaco e attuale vicesegretario Provinciale del Pd.

“Ma andiamo per gradi – si legge nel suo comunicato inviato alla stampa -, la relazione ministeriale sostiene che l’esercizio finanziario 2017, è il momento di demarcazione netta tra la passata gestione ordinaria dell’Ente, e quella straordinaria del disseto. Questa data è importante, in quanto sancisce che tutto quello che è accaduto, dal punto di vista finanziario al 31 dicembre 2016, attiene solo all’Organismo Straordinario di Liquidazione (OSL), nominato dal Ministero degli Interni. Dalla relazione del Ministero, si evidenzia invece una “commistione” delle due contabilità, voluta dal governo cittadino guidato da Mastella, cosa grave, illegittima e che ha generato diverse anomalie nonché reati contabili. Di fatto l’Amministrazione Mastella, avrebbe dovuto non solo dividere le contabilità, ma anche “consegnare” alla OSL, tutte le attività, nonché le passività, alla data del 31 dicembre 2016, comprensivo il fondo di cassa.

L’Amministrazione Mastella, contravvenendo a quanto disposto dalla legge, non ha effettuato la separazione delle contabilità, ma ha mantenuto in bilancio, fino all’intero esercizio 2018, i residui attivi e passivi di competenza OSL, senza applicare, al risultato di amministrazione gli appositi accantonamenti correlati ai predetti residui attivi e passivi. Determinato con ciò un risultato di amministrazione “alterato”, da dati che non afferiscono alla gestione di competenza dell’Ente. Ne viene da sé che i bilanci del 2017 e del 2018 sono alterati e quindi sostanzialmente falsi. C’è evidentemente un fittizio raggiungimento del pareggio finanziario e degli equilibri in fase di bilancio previsionale degli esercizi 2017 e 2018. Nel 2017 c’è un minore avanzo di € 1.233.894,35 rispetto a quanto dichiarato dal Comune con un atto contabile errato, e nel 2018 un minore avanzo di € 1.396.659,78 rispetto a quanto dichiarato sempre dal Comune con un altro atto contabile errato.

Il Comune di Benevento ha approvato quindi bilanci fittizi, che hanno consentito di spendere soldi pubblici che diversamente non potevano essere spesi, tipo procedere a nuove assunzioni. Solo nel 2022, l’Amministrazione Mastella, a mezzo mail (sic), ha manifestato l’intenzione di recuperare le somme impropriamente applicate all’avanzo. Ricordo inoltre che gli ispettori ministeriali confermano il fatto che il primo trasferimento economico alla OSL, avviene solo dopo oltre 2 anni dal proprio insediamento. Inoltre la relazione Ministeriale punta il dito su atti di liquidazione delle spese dell’era Mastella, relativamente ai debiti ritrovati, che doveva essere di esclusiva competenza della OSL, o comunque dovevano essere forniti di nulla osta e visto contabile OSL. Dai campioni verificati, si certifica che il 60% delle liquidazioni che il Comune ha effettuato sui debiti ante dissesto, non c’è l’autorizzazione OSL. Insomma nella Relazione del Ministero dell’Economia e delle Finanze c’è di tutto e di più, ma essenzialmente ci sono descritti analiticamente reati contabili e finanziari, che hanno portato allo scioglimento di altri Enti pubblici in questo nostro strano Paese”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.