Maltempo, la Comunità Montana del Fortore chiede lo stato di calamità

comunità montana

La Comunità Montana del Fortore, in seguito alle abbondanti nevicate degli scorsi giorni, ha presentato richiesta per lo stato di calamità.

I danni maggiori sono stati registrati soprattutto nelle numerose aziende agricole dove non sono state poche le problematiche che agricoltori ed allevatori hanno dovuto affrontare.
Situazione resa complicata a partire dalla corrente elettrica che per giorni è mancata soprattutto nelle zone più isolate, fino ad arrivare alla rottura dei condotti dell’acqua delle stalle.
Molti i vitelli appena nati che, a causa delle bassissime temperature, hanno dovuto combattere con la morte.
Queste le parole che si leggono nella nota inviata dalla Comunità Montana al Ministero delle politiche agricole: “Le temperature hanno raggiunto valori negativi fino a meno 11-12 gradi, le nevicate hanno impedito la consegna del latte per l’impraticabilità delle strade rurali, reso impossibile anche l’approvvigionamento dei mangimi e di ogni altra materia prima.”
Le spese da sostenere per le aziende agricole sono indecifrabili e questi sono solo alcuni dei problemi con i quali le aziende agricole fortorine devono fare i conti. Ricordiamo infatti i precedenti danni avvenuti durante l’alluvione dello scorso anno.
Pietro Di Stasio
Lascia una risposta