Manifestazioni nel centro città, Puzio: “Bene iniziative ma senza problemi ai cittadini”

Manifestazioni nel centro città, Puzio: “Bene iniziative ma senza problemi ai cittadini”

Il consigliere dei Moderati sulla manifestazione di ieri: “Il corso è carrabile alle Ferrari ed è chiuso alle biciclette. È d’obbligo una pianificazione mirata del calendario degli eventi”

SHARE

“Come affermato in più di un’occasione, sono favorevole a tutte quelle iniziative che puntino i riflettori sulla città e facciano rivivere il centro storico. Anche la manifestazione di ieri con la sfilata delle Ferrari, concettualmente è importante per la nostra Benevento”: a riferirlo è il consigliere comunale di Benevento, Antonio Puzio dei Moderati.

“Entrando nel merito però sono tante le domande che ci si pone: prevedere un’iniziativa come questa, il martedì, quando tutti sono al lavoro, può aiutare i commercianti del Corso Garibaldi a sopravvivere? Con quale criterio si prevede il calendario delle manifestazioni? Ben vengano anche quelle organizzate la domenica mattina, come le corse podistiche, ma è necessaria la chiusura al traffico fin dalle 7 e la conseguente rimozione delle automobili dei residenti, costretti a svegliarsi di prima mattina per andare a spostare le auto? Tutto questo aiuta veramente la città ed il centro a rinascere? A tanto si aggiunga la continua chiusura della zona centrale al traffico per ridurre l’inquinamento ma al contempo si permette alle Ferrari di “sgasare” in centro per tutto il giorno”.

“Solo qualche giorno fa – prosegue Puzio – parlavamo di ridurre l’inquinamento attraverso l’utilizzo delle auto elettriche. Come sempre si applicano due pesi e due misure, le Ferrari non inquinano, le auto dei cittadini invece sì? Il corso è carrabile alle Ferrari ed è chiuso alle biciclette. Bisogna pertanto trovare una soluzione consona ed intelligente per non creare disagi ai cittadini, tutelare la salute pubblica, sostenere il turismo ed aiutare il commercio, facendo ripartire il centro storico”.

“È d’obbligo una pianificazione mirata del calendario degli eventi ed un’adeguata pubblicizzazione dello stesso, mediante i canali adeguati, onde massimizzare l’effetto divulgativo delle manifestazioni stesse, che altrimenti rimangono sterili vetrine ad uso e consumo di chi le promuove”.