L’ex Maschio: “Il lavoro di Carli è stato notevole”

La retrocessione dalla B della passata stagione è stato il pesante macigno ereditato da Marcello Carli dal momento in cui ha avuto inizio la sua avventura nel Sannio e la decisione del direttore toscano di affidare la panchina giallorossa a Matteo Andreoletti, a distanza di quasi cinque mesi dal suo approdo, continua ad essere avallata anche da Antonio Maschio. L’ex centrocampista del Benevento, infatti, è rimasto particolarmente colpito dal giovane tecnico bergamasco e conta di tornare presto in città per assistere a qualche allenamento della Strega. “Sin dall’inizio ho avuto delle buone sensazioni su Andreoletti e in tanti me ne hanno parlato benissimo. Pur essendo un allenatore molto giovane, ritengo che abbia tanta personalità e mi auguro che il Benevento avrà sempre una certa continuità di risultati che gli consentiranno di lottare fino alla fine per la promozione in B. Certo anch’io, così come tanti tifosi, vorrei vedere una squadra che osi maggiormente e che non si accontenti in fretta dell’1-0, ma sono molto fiducioso sul fatto che il tecnico lavorerà anche su tale aspetto”.

Prima di Andreoletti, c’è stata da parte di Vigorito la scelta di avviare un nuovo ciclo partendo dalla figura di Carli e come hai interpretato tale passo fatto dal presidente?
“L’ho avallato totalmente e per me in estate Carli, nonostante le mille difficoltà riscontrate nel riuscire a cedere giocatori che in C non volevano proprio starci, ha fatto un capolavoro. Disfarsi di così tanti elementi non era affatto semplice e poi ho condiviso la decisione dei ritorni di Marotta e Ciciretti. Entrambi sanno cosa vuol dire vincere a Benevento e tenendomi costantemente aggiornato sulla Strega ho appurato che i loro ritorni hanno avuto il totale gradimento da parte della tifoseria”.

La lotta al primo posto si fa sempre più avvincente e qual è a tuo avviso la squadra maggiormente indiziata alla vittoria finale?
“Probabilmente fino all’ultima giornata sarà davvero una bella lotta. Il Benevento e l’Avellino ritengo che abbiano qualcosa in più rispetto alla Juve Stabia, ma le vespe giocano molto bene e potrebbero continuare a insidiare le due principali indiziate. Occhio però alla Casertana, altra squadra esperta per la categoria e con in organico elementi che in C hanno vinto nel recente passato. Alla fine la spunterà chi avrà più determinazione e amando il Benevento mi auguro che saranno i giallorossi”. 

Un legame con la Strega che non si affievolisce affatto con il passare degli anni e so che continui a coltivare un sogno…
“Eh sì, è proprio così. Il mio sogno, infatti, resta quello di tornare a far parte della società giallorossa e mi auguro un giorno di poter allenare almeno una squadra del settore giovanile. Colgo, quindi, dell’occasione per complimentarmi con Diego Palermo, Simone Puleo e con tutti i tecnici per l’ottimo lavoro che anche in questa stagione stanno facendo”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.