Rimesso in libertà senza misure G.P. di Pannarano, arrestato dai Carabinieri di Montesarchio giovedì sera per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale nell’ambito di un’operazione dei Carabinieri del luogo.

Lo ha stabilito questa mattina il gip Loredana Camerlengo che ha invece confermato il carcere per padre e figlio, di 53 e 26 anni, che sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio, rinvenendo 430 grammi di cocaina nella caldaia. G.P., il 31enne presunto acquirente, era difeso dall’avvocato Fabio Russo.

I fatti risalgono alla tarda serata di giovedì quando i Carabinieri del Nucleo Operativo di Montesarchio, durante i servizi di monitoraggio dei luoghi ove si manifesta il fenomeno dello spaccio nel centro caudino, hanno individuato un’abitazione sospetta in seguito all’andirivieni di giovani, uno dei quali, minorenne, trovato in possesso di crack. Sequestrate anche banconote di piccolo taglio per una somma di 1.150 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio.