Nell’Italia delle fatiscenze Benevento è prima per edifici a rischio crollo, allarme in tutto il Sud

news130016Dopo il catastrofico crollo del ponte Morandi di Genova è cresciuta la preoccupazione degli italiani relativamente alla sicurezza delle infrastrutture edegli immobili. A Benevento le istituzioni locali hanno iniziato a guardarsi intorno scoprendo o riscoprendo fatiscenze in ogni dove. Polemiche a parte, la scelta del sindaco Mastella di chiudere il ponte San Nicola ha messo tutti i sanniti davanti ad una domanda: quanto è sicura la città in cui viviamo ?

La risposta è poco, pochissimo. Infatti, giusto ieri “Il Mattino” pubblicava in un articolo di politica interna alcuni dati allarmanti in merito allo stato di salute edile della nostra penisola. L’Italia registra un numero di edifici degradati pari a due milioni di cui mezzo milione circa è a rischio crollo, duecentocinquantamila solo al Sud. In particolare la proporzione tra gli edifici sicuri e quelli fatiscenti consegna al Sannio un triste primato: Benevento è la città con più immobili degradati in Italia; 10.942 a rischio crollo. Gli immobili in questione sarebbero così degradati al tal punto che, come si legge su “Il Mattino”, “neppure l’Agenzia delle entrate pretende il pagamento dell’Imu”.

Insomma, dati e foto alla mano, i presupposti per cronache di future tragedie annunciate ci sono, ora ci vorrebbe tanta onestà e tanta attenzione da parte delle istituzioni affinché si possa evitare di ascoltare in futuro che “quel ponte dava segni di cedimento già da un po’ ” oppure che “quel palazzo era in piedi per miracolo”.

Mario Martino

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.